Migliorare l’educazione dei pazienti colpiti da ictus con le infografiche

By Lydia Hooper, Nov 24, 2021

stroke patient education
Lo sapete che le malattie cardiache sono la prima causa di morte in tutto il mondo? Sì, anche se le morti per COVID continuano a salire a livello globale. Infatti, il COVID-19 potrebbe far aumentare le malattie cardiovascolari per qualche tempo, secondo l’American Heart Association.

L’ictus è un tipo di malattia cardiovascolare, ed è la quinta causa di morte negli Stati Uniti secondo il CDC. Ci sono diverse ragioni per cui l’educazione sull’ictus per i pazienti e le famiglie può fare una grande differenza.

Come possiamo assicurarci che sia così? Usando infografiche coinvolgenti e facili da capire! Ho lavorato con molti professionisti della salute negli ultimi dieci anni come information designer, e sono entusiasta di condividere alcune buone pratiche con voi.

Non siete designer? Nessun problema. Venngage ha modelli facili da modificare e un editor drag-and-drop che permette a chiunque di creare un’infografica in poco tempo.

 

Clicca per saltare avanti:

 

La prevenzione dell’ictus richiede l’educazione del paziente

Un ictus, noto anche come incidente cerebrovascolare o CVA, avviene quando il flusso di sangue al cervello viene interrotto. Più a lungo questo flusso è interrotto, più gravi sono gli esiti.

Ma solo una frazione delle vittime di ictus arriva all’ospedale in tempo per i trattamenti che possono salvare la vita e ridurre le disabilità. Questo è il motivo per cui è estremamente importante che i membri della famiglia, gli assistenti, i colleghi o altri passanti chiamino immediatamente il 9-1-1.

Purtroppo, gli studi hanno dimostrato che c’è una mancanza di conoscenza pubblica sugli ictus, secondo il CDC. L’educazione del paziente CVA e l’educazione familiare sull’ictus sono necessarie per aumentare la consapevolezza e quindi i trattamenti di successo.

Ritorna al Sommario

 

Le infografiche migliorano l’educazione del paziente con l’ictus

La salute dei pazienti dipende da una serie di fattori, e uno critico è la comunicazione efficace tra pazienti e operatori. Gli operatori spesso usano materiali educativi per i pazienti per informarli meglio sulle condizioni di salute e le opzioni di trattamento.

Il CDC ha detto che la comunicazione visiva può essere particolarmente benefica, soprattutto per le persone con una minore alfabetizzazione e capacità di lettura dei dati. La maggior parte delle persone (il 65% per l’esattezza) impara in modo visivo, secondo il Social Science Research Network, quindi non è solo utile, è vitale quando si tratta di educazione del paziente.

Abbiamo lavorato con l’American Heart Association per creare questa infografica sulla prevenzione dell’ictus in modo da avere un modo semplice per iniziare a comunicare visivamente.
stroke patient education

 

I contenuti facili da digerire stanno diventando ancora più preziosi con l’aumento delle cure mediche virtuali. Creare questi contenuti sta diventando più facile che mai, il che è particolarmente importante per i professionisti sanitari impegnati.

Ritorna al Sommario

 

Come creare infografiche per l’educazione dei pazienti

Non qualsiasi infografica farà la differenza che è necessaria. Deve contenere le informazioni giuste e queste informazioni devono essere incredibilmente facili da afferrare.

Si tratta di un processo per creare un’infografica ricca di contenuti come l’infografica sull’ictus di cui sopra. Vi guiderò attraverso la creazione di questa infografica per aiutarvi a imparare alcune buone pratiche per l’utilizzo delle infografiche per l’educazione del paziente.

1. Condurre una ricerca approfondita 

In generale, la creazione di un’infografica richiede un po’ di ricerca per identificare:

  • Concetti chiave
  • Fatti importanti
  • Dati rilevanti

stroke patient education
Quando si tratta di creare infografiche per l’educazione dei pazienti, vale la pena scavare ancora più a fondo. Vorrete indagare se sono state fatte ricerche sulla comunicazione con i pazienti o il pubblico sull’argomento in questione. Potreste esplorare, per esempio, le risposte alle seguenti domande.

  • Ci sono certi messaggi che hanno dimostrato di funzionare in passato?
  • Ci sono concetti specifici che è stato dimostrato che le persone fanno fatica a capire o a ricordare?
  • Ci sono alcune persone che la ricerca ha dimostrato essere particolarmente importanti e/o particolarmente difficili da raggiungere?

Sappiamo che gli spettatori sono le persone migliori per aiutare qualcuno che ha un ictus, quindi ha senso che oltre a educare i pazienti, i professionisti devono educare le famiglie, i vicini, i caregiver e i colleghi.

Un rapporto del CDC ha mostrato che coloro che sono a più alto rischio di avere un ictus sono i meno informati sui segnali di avvertimento e sui fattori di rischio dell’ictus.

Cita una ricerca che mostra che il riconoscimento e la conoscenza dell’ictus sono notevolmente bassi tra le minoranze etniche, i giovani e gli anziani, quelli con meno istruzione e i non fumatori. Un’altra ricerca citata ha mostrato che alcuni segni di un ictus sono più conosciuti di altri.

2. Organizzare i risultati chiave e le chiamate all’azione

È essenziale identificare lo scopo più importante per l’educazione del paziente prima di iniziare a creare un’infografica sanitaria. Questo scopo sarà una guida, in quanto si vuole assicurare che sia completamente chiaro e che nulla crei distrazione.

La U.S. Agency for Healthcare Research and Quality’s Patient Education Materials Assessment Tool (PEMAT) e la User’s Guide forniscono una guida aggiuntiva sull’organizzazione, il layout e l’azionabilità, incluso:

  • Suddividere le informazioni in brevi sezioni, che seguono una sequenza logica
  • Usare spunti visivi come caselle, punti elenco e titoli più grandi per enfatizzare i punti chiave
  • Identificare almeno un’azione che può essere intrapresa, e suddividerla in fasi se necessario

stroke patient education
Il formato utilizzato nell’infografica sull’ictus di cui sopra può essere applicato anche ad altri argomenti:

  • Iniziare spiegando perché l’argomento è importante per il pubblico
  • Poi fornire un’introduzione di alto livello o una panoramica delle idee chiave
  • Poi descrivete ciò che il pubblico ha bisogno di sapere, iniziando con le cose più importanti da prendere
  • Infine, riassumere quali azioni sono raccomandate

Iniziate il vostro processo elaborando uno schema, tenendo a mente i suggerimenti di cui sopra. Per evitare di impantanarsi troppo nei dettagli, ricordatevi di tenere il vostro scopo davanti e al centro.

3. Scrivere il testo in un linguaggio semplice

Uno dei modi più semplici per perdere un paziente (o qualsiasi altro pubblico), è parlare “sopra le loro teste”. È assolutamente vitale usare un linguaggio comune o semplice. È così importante che c’è una legge che richiede alle agenzie federali di usare un linguaggio che il pubblico possa capire e utilizzare.

Ecco alcune buone pratiche dal Plain Language Action and Information Network:

  • Usare parole concrete e familiari
  • Usare frasi brevi e omettere le parole in eccesso
  • Usare la voce attiva e il tempo presente semplice
  • Rivolgersi direttamente al lettore usando la parola “tu”.
  • Includere titoli utili
  • Utilizzare elenchi e tabelle per semplificare informazioni complesse

stroke patient education
L’unica ragione per usare un termine medico è se volete familiarizzare il vostro paziente con il termine, quindi ne consegue che dovrete definirlo chiaramente per loro.

Correlato: Come semplificare il gergo tecnico per i materiali e le infografiche di educazione del paziente nel settore sanitario 

È una buona idea valutare la leggibilità del testo completo, un livello di lettura dalla terza all’ottava classe è l’ideale. Raccomando di usare il Readability Analyzer online della dottoressa Sarah Tyler perché offre sei diversi punteggi da confrontare.

A volte, i numeri saranno inclusi nel testo, quindi ecco alcuni consigli per questo:

  • Limitare i punti di dati a solo alcuni che sono critici per il messaggio e lo scopo
  • Usare numeri interi se possibile, e se sono grandi numeri inserirli in qualche contesto o paragonarli a qualcosa a cui il paziente o il pubblico si riferirà
  • Fate tutti i calcoli necessari, non aspettatevi che il vostro paziente o il pubblico lo faccia 
  • Usate le immagini se potete, specialmente se state comunicando sulla probabilità, il rischio o l’incertezza di qualche tipo (di più su questo dopo)

Per saperne di più sulla comunicazione di numeri e dati, date un’occhiata al workbook del National Cancer Institute Making Data Talk.

4. Usare immagini che chiariscano i concetti e i numeri

Siete sorpresi che incorporare immagini nella vostra infografica sia il quarto passo elencato qui? Questo perché volete assicurarvi che ogni immagine che includete sia usata per sostenere lo scopo, rinforzare le idee chiave e rendere più facile per il paziente o il lettore prenda le azioni appropriate.

Ecco quattro opzioni di base per le immagini che potreste aggiungere.

Foto

Le foto sono utili per collegare le informazioni incluse con le persone reali.
Stroke Patient Education

Se volete includere una foto, assicuratevi di controllare la Public Health Image Library del CDC e la Visuals Online del National Cancer Institute. La maggior parte di queste immagini sono gratuite per l’uso pubblico, ma assicurati di controllare la didascalia dell’immagine per le restrizioni di copyright.

Icone e illustrazioni

Le icone e le illustrazioni sono ottimi elementi visivi per sostenere il testo, purché siano rilevanti e colorati. Ecco un esempio:
Stroke Patient Education

Le icone possono essere utili per attirare l’attenzione sulle differenze, ad esempio tra la gravità degli effetti collaterali o i vari sintomi e segnali di avvertimento di una malattia.

Visualizzazioni di dati

Come detto prima, le visualizzazioni dei dati sono ideali per aiutare i pazienti a capire meglio i numeri grezzi. Le visualizzazioni di dati più comuni sono:

  • Grafici a torta, che sono ideali per mostrare le percentuali (su 100%)
  • Grafici a barre, che sono ideali per confrontare la maggior parte dei numeri
  • Grafici a linee, che sono ideali per descrivere i cambiamenti nel tempo
  • Pittogrammi o grafici a icone, che sono ottimi per mostrare rapporti (come 1 su 3)
  • Mappe, che sono ottime per confrontare le differenze di numeri in base alla posizione

Potete imparare come scegliere i grafici giusti per i vostri dati in questo breve video:

Ci sono diversi esempi specifici e molto utili su come comunicare il rischio nel rapporto Visualizing Health, che era un progetto della Robert Wood Johnson Foundation e dell’University of Michigan Center for Health Communications Research.

Diagrammi

I diagrammi sono ottimi modi per descrivere concetti, come parti di un tutto o processi. Esempi comuni sono i diagrammi di flusso (come quello sotto), i diagrammi di Venn e i diagrammi a piramide o a triangolo (come la piramide alimentare). Ecco un altro esempio:
Stroke Patient Education

 

Se ne usate uno, assicuratevi di usare forme, linee e frecce per guidare gli occhi del vostro paziente.

5. Prestare attenzione ai pazienti e agli altri destinatari

Quest’ultimo passo è troppo facile da trascurare. Una volta che avete sviluppato un’infografica per l’educazione del paziente, siete pronti a scoprire quanto sia efficace e se raggiunge il suo scopo.

Se potete, è particolarmente saggio ottenere un feedback dai pazienti o da altre persone che sono il pubblico di riferimento mentre state ancora sviluppando il materiale.

Potete farlo attraverso conversazioni informali o conducendo interviste, focus group o sondaggi.

Un altro metodo molto utile per ottenere un feedback è quello di osservare i pazienti o altro pubblico mentre interagiscono con l’infografica, notando, per esempio, cose come quanto tempo passano a guardarla, e se è stampata e disponibile se la portano con loro prima o dopo la lettura.

Ecco alcune ottime domande aperte da porre ai pazienti, basate sui criteri della International Patient Decision Aid Standards (IPDAS) Collaboration per giudicare la qualità degli aiuti alla decisione del paziente.

  1. In che modo questo materiale ti aiuta a capire meglio le decisioni sulla salute che potresti dover prendere?
  2. Parlami delle diverse scelte che spiega e dei potenziali risultati di queste scelte.
  3. Descrivi i passi che potresti fare sulla base di queste informazioni. (Se è importante, potete notare se parlano con un professionista della salute).
  4. Come è utile o meno l’uso di diversi strumenti di comunicazione (parole, numeri, diagrammi visivi)?

Naturalmente, lo scopo di sollecitare un feedback è quello di migliorare il materiale o l’infografica. Quindi assicuratevi di prendere questo feedback e usarlo per migliorare la vostra educazione del paziente nel tempo.

Per esempio, quando abbiamo creato l’infografica sulla prevenzione dell’ictus, abbiamo subito scoperto che a molti professionisti della salute piace dare il materiale ai pazienti da portare via, così abbiamo creato questa versione per la stampa su carta da lettera.
stroke patient education

 

Ritorna al Sommario

 

Altre infografiche per l’educazione dei pazienti

Sappiamo che l’educazione sull’ictus per i pazienti e le famiglie è molto importante, ma naturalmente è solo un esempio di come i professionisti sanitari possono usare le infografiche per informare i pazienti. Potete usare uno dei modelli qui sotto per fare pratica con i suggerimenti di cui sopra e iniziare a creare infografiche oggi stesso.

Ecco un paio di esempi di infografiche che aiuterebbero i pazienti a prevenire altre malattie.
stroke patient education


stroke patient education

 

Oltre alla prevenzione delle malattie, le infografiche possono aiutare i pazienti a riconoscere i segni della malattia in modo che siano preparati a cercare il trattamento in modo tempestivo.

Mentre gli ictus sono particolarmente tempestivi, è anche importante aiutare i pazienti a riconoscere le malattie a insorgenza più lenta, che è ciò che queste infografiche possono fare.
stroke patient education


stroke patient education

 

Gli operatori sanitari vogliono aiutare i pazienti a riconoscere i segni della malattia in modo che il trattamento medico possa avvenire in modo tempestivo e appropriato.

Le infografiche come quelle qui sotto possono aiutare i pazienti a identificare meglio quando il trattamento è necessario e anche a saperne di più sulle varie opzioni di trattamento.
stroke patient education


stroke patient education

 

L’educazione dei pazienti sugli ictus e altre malattie salva la vita.

Creando infografiche accattivanti e ponderate, i professionisti della salute possono fornire ai pazienti e alle loro famiglie gli strumenti per prendersi cura della loro salute e ottenere le cure mediche di cui hanno bisogno.

Gli ictus non sono le uniche malattie di cui il pubblico non ha una conoscenza adeguata. La salute pubblica e il successo della medicina dipendono da una migliore comunicazione ed educazione del paziente. Le infografiche possono rendere più facile ed efficace il passaggio di importanti messaggi sulla salute.

E non dovete essere un designer per iniziare a farli: iscrivitevi a Venngage e iniziate oggi stesso.