La guida definitiva al pensiero progettuale

By Lydia Hooper, Aug 12, 2022

design thinking
Nell’ultimo decennio, il design thinking sembra aver preso d’assalto il mondo. Mentre più persone hanno familiarità con le basi, la sua popolarità ha anche portato a una certa confusione e persino a controversie.

Essendo stato impegnato in questo dialogo per diversi anni, sono entusiasta di condividere in questo articolo tutto quello che dovete sapere sul design thinking in modo da poterlo usare in modo informato e coscienzioso, se scegliete di farlo.

Cliccare per saltare avanti:

 

Cos’è il design thinking?

Il design thinking è un processo pratico e non lineare per la risoluzione di problemi creativi.

Nel suo cuore, il processo di pensiero progettuale consiste nell’enfatizzare ciò che è importante dal punto di vista delle persone colpite dal problema e dalla soluzione, oltre a considerare ciò che è fattibile ed economicamente sostenibile.

design thinking

 

Il design thinking è anche una mentalità che enfatizza l’empatia, la curiosità, la creatività, la collaborazione, l’azione e l’adattamento.

Il design thinking sottolinea che mentre questa mentalità si ispira al lavoro del design, non è esclusiva di coloro che si considerano designer professionisti.

“Il design thinking è un modo di trovare i bisogni umani e creare nuove soluzioni usando gli strumenti e la mentalità dei professionisti del design. Quando usiamo il solo termine ‘design’, la maggior parte delle persone ci chiede cosa pensiamo delle loro tende o dove abbiamo comprato i nostri occhiali. Ma un “approccio al design thinking” significa più che prestare attenzione all’estetica o sviluppare prodotti fisici. Il design thinking è una metodologia. Usandola, possiamo affrontare un’ampia varietà di sfide personali, sociali e aziendali in modi nuovi e creativi”.

– David Kelley, fondatore di IDEO, e Tom Kelley, partner

Ritorna al Sommario

 

Chi usa il design thinking?

Negli ultimi dieci anni circa, il design thinking è diventato più noto ed è stato applicato ben oltre il campo del design. Le persone usano il design thinking per trovare soluzioni innovative per risolvere problemi complessi.

Il processo di design thinking è stato usato per sviluppare nuovi prodotti sanitari, migliorare i servizi governativi, ripensare i sistemi di trasporto e affrontare sfide globali complesse come l’insicurezza alimentare e l’istruzione equa.

Ritorna al Sommario

 

Qual è lo scopo del design thinking?

Il design thinking è noto per essere più efficace in situazioni in cui i problemi non sono ben compresi. È anche ideale per promuovere grandi cambiamenti trasformativi, piuttosto che quelli incrementali quotidiani.

design thinking

 

Squadre e organizzazioni usano la metodologia del design thinking per:

  • Capire meglio le esigenze dei clienti, degli utenti e delle persone che hanno problemi
  • Imparare e fare miglioramenti più rapidamente
  • Ridurre i rischi associati al lancio di nuovi programmi, servizi e prodotti
  • Coltivare il buy-in tra le parti interessate

Poiché il design thinking è un processo e una mentalità, sblocca numerose possibilità per creare nuove opportunità.

“L’entusiasmo per il design thinking sta nel fatto che chiunque può imparare a farlo. La promessa democratica del design thinking è che una volta che il design thinking è stato padroneggiato chiunque può andare a riprogettare i sistemi, le infrastrutture e le organizzazioni che modellano le nostre vite”.

– Shelley Goldman, Stanford School of Education, e Zaza Kabayadondo, Design Thinking Initiative allo Smith College

Ritorna al Sommario

 

Fasi del pensiero progettuale

È importante capire che il design thinking è un processo non lineare, il che significa che le fasi non sono sempre sequenziali, possono essere eseguite in parallelo e spesso si ripetono in vari punti nel tempo.

design thinking

 

Detto questo, coloro che hanno meno familiarità con il design possono imparare il processo più facilmente iniziando a lavorare attraverso le fasi in modi discreti e concreti.

“I designer esperti spesso si lamentano che il pensiero del design è troppo strutturato e lineare. E per loro, questo è certamente vero. Ma i manager dei team di innovazione in genere non sono designer e non sono abituati a fare ricerche faccia a faccia con i clienti, a immergersi profondamente nelle loro prospettive, a co-creare con le parti interessate e a progettare ed eseguire esperimenti. La struttura e la linearità aiutano i manager a cercare di adattarsi a questi nuovi comportamenti… Nella maggior parte delle organizzazioni l’applicazione del design thinking comporta sette attività. Ognuna genera un output chiaro che l’attività successiva converte in un altro output fino a quando l’organizzazione arriva a un’innovazione implementabile. Ma ad un livello più profondo, sta succedendo qualcos’altro – qualcosa di cui i dirigenti generalmente non sono consapevoli. Anche se apparentemente è orientato a comprendere e modellare le esperienze dei clienti, ogni attività di pensiero progettuale rimodella anche le esperienze degli stessi innovatori in modi profondi”.

– Jeanne Liedtka, Harvard Business Review

Ecco un riassunto delle fasi, anche se possono avere nomi leggermente diversi.

Empatizzare

In questa fase, la ricerca viene condotta per raccogliere più informazioni sulle persone colpite dal problema, i loro bisogni e desideri, i loro pensieri e comportamenti, ecc.

Piuttosto che guardare solo i dati, c’è un’enfasi sullo sperimentare ciò che il cliente sperimenta. Questo è il motivo per cui il design thinking è spesso correlato al design centrato sull’uomo.

Le attività di ricerca possono includere focus group, interviste e osservazioni della vita reale.

design thinking

 

Definire

La ricerca viene sintetizzata per individuare i problemi principali e le opportunità potenziali per creare potenziali soluzioni. Questo è generalmente fatto in un gruppo e/o in piccoli gruppi, che non solo aiuta tutti ad avere le stesse informazioni, ma permette anche interpretazioni multiple e quindi intuizioni più profonde.

È importante notare che a volte il problema identificato non è quello che il gruppo pensava di affrontare. Può essere diverso, più ampio o più sfumato di quello che si pensava inizialmente.

A volte, queste intuizioni sono riassunte in documenti come mappe di empatia, personas e user journeys.

design thinking

 

design thinking

 

design thinking

 

design thinking

 

Ideate

Poi arriva la fase di ideazione. Una volta che c’è una definizione dei problemi e delle opportunità specifiche, un team inizia il brainstorming e la generazione di idee.

I membri del team sono incoraggiati a proporre il maggior numero possibile di idee, in quanto ciò favorisce il pensiero selvaggio e fuori dagli schemi.

Concentrandosi sulle possibilità invece che sui vincoli, i team sono in grado di sfidare lo status quo.

Spesso, le idee sono catturate in post-it, mappe mentali o diagrammi di flusso.

design thinking

 

design thinking

 

Prototipo

Questo è il momento in cui le idee iniziano a prendere vita. Invece di accontentarsi e correre con idee specifiche, i prototipi permettono ai team di sperimentare soluzioni potenziali mentre fanno bassi investimenti in esse.

I prototipi sono rappresentazioni grezze e tangibili che permettono una prima valutazione della fattibilità e di altri problemi. La creazione di più prototipi permette anche alle squadre di sperimentare varie idee prima di impegnarsi preventivamente in una.

I prototipi possono essere schizzi su carta, storyboard, mockup o altre prove di concetto.

design thinking

 

Testare e iterare

All’interno del processo di design thinking, la fase di test ha luogo quando il prototipo viene condiviso con persone reali (clienti, utenti, ecc.) per imparare se risolve veramente il problema e come potrebbe essere migliorato.

I risultati dei test possono essere usati per rivalutare e ridefinire ipotesi come chi è il cliente, quali sono i problemi e quali soluzioni potrebbero adattarsi meglio alle sue esigenze.

L’apprendimento nella fase di test può essere documentato in presentazioni, rapporti o anche infografiche, che possono aiutare il team a ricordare tale apprendimento in futuro.

design thinking

 

Il test è qualcosa che continua a verificarsi in modo che il prototipo possa essere raffinato nel tempo. L’iterazione non solo migliora gli output e i risultati, ma col tempo riduce anche la normale paura del cambiamento del team.

Implementare

Considerata la fase finale del processo di pensiero progettuale, è quando il pensiero progettuale diventa produzione di design.

Il successo del design thinking sta nell’impatto che crea, e questa fase è dove la gomma colpisce la strada. Di solito è qui che si spende la maggior parte del tempo, del denaro e dell’energia.

Il prodotto, il servizio, il programma o qualsiasi cosa venga creato viene lanciato nel mondo, e il team di progettazione continua a ricercare, riflettere e rivedere secondo necessità.

design thinking

 

Ritorna al Sommario

 

Il pensiero progettuale: Critiche e considerazioni

Mentre il design thinking ha ricevuto molta attenzione e applausi nell’ultimo decennio, non è certamente al di sopra delle critiche. Ecco alcune domande da tenere a mente quando il design thinking viene applicato al problem solving creativo.

Chi sono gli umani che vengono centrati?

Il perno del design thinking è la primissima fase: empatizzare.

Mentre l’empatia è diventata una parola d’ordine, rimane un’abilità rara a causa della sua difficoltà.

design thinking

 

Parte della difficoltà sta nel fatto che il potere diminuisce l’empatia, e il potere è generalmente qualcosa di più ricercato e premiato. Questo è particolarmente rilevante perché spesso sono le persone in posizioni di potere che cercano di usare il design thinking.

Ciò che troppo spesso accade è che i team sono in gran parte omogenei, e le voci delle persone in posizioni di potere sono valutate di più. A volte è il designer professionista che porta il privilegio, agendo come guardiani che “controllano” il processo e i risultati. A volte è il cliente o il finanziatore che è centrato nel processo, piuttosto che le persone che sono più colpite dal problema e/o dalla soluzione. Questi decisori preservano lo status quo, secondo la Harvard Business Review.

Un esempio è l’esercizio di design thinking molto comune conosciuto come “Come potremmo? Questo esercizio invita le persone nella stanza a considerare come potrebbero risolvere un problema. Ma la cosa più empatica da fare, secondo l’articolo di Tricia Wang per Fast Company, sarebbe chiedere “Con chi dovremmo parlare?” o “Perché lo stiamo facendo?”.

design thinking

 

La cosa importante da ricordare è che le idee che vengono generate e selezionate non sono garantite per l’utente finale, il cliente o la persona interessata, che è tragicamente l’intero punto. Mentre la promessa del design thinking è che sconvolge lo status quo e sfida persino i pregiudizi tradizionali, ci vuole più di un elenco delle fasi per far sì che ciò accada.

Il co-design con molti stakeholder di solito richiede una facilitazione molto umile e molto tempo. I team devono essere diversi per innovare veramente (Harvard Business Review ha più informazioni su come) e le persone devono fidarsi l’una dell’altra per sentirsi abbastanza a proprio agio da condividere idee nuove e audaci. Questo probabilmente richiederà più del design thinking, ma è la migliore possibilità che i team hanno di raggiungere alcune delle aspirazioni del design thinking.

Si pensa al design thinking come a una “pallottola d’argento”?

Il design thinking non è una panacea.

Mentre è stato utile per molte e varie situazioni, il design thinking non è utile per ogni situazione. Non è il metodo scientifico, non è l’analisi statistica, non è Six Sigma (miglioramento dei processi), e non è l’etnografia, anche se trae qualche influenza da ognuno di questi.

Il design thinking è utilizzato al meglio per problemi che si trovano in un punto dolce tra quelli con soluzioni ovvie e quelli con un alto livello di incertezza, come il cambiamento climatico.

design thinking

 

Ammettiamolo: di questi tempi c’è molta incertezza, quindi è saggio considerare come il design thinking possa essere utile e i suoi limiti. Molti problemi non possono essere risolti semplicemente con più prodotti o servizi.

La cosa principale da capire è che, come dice il designer ed educatore Lee-Sean Huang, il design thinking è un mezzo, non un fine.

Se un team decide di usare il design thinking, deve impegnarsi in un processo iterativo che supporti lo sviluppo e l’implementazione di una soluzione efficace. Ci vuole pratica e lavoro continui, e la ricompensa è nel vedere cambiare i risultati per le persone.

Il design thinking viene usato come sostituto del pensiero e dell’impegno più profondo?

È allettante per le aziende che cercano di innovare rapidamente di evitare il vero lavoro del design thinking. Vogliono la creatività senza il casino, che è come volere un orto rigoglioso senza la necessaria pioggia (e il fango). Persino Michael Hendrix, un partner dell’azienda IDEO che si occupa di design thinking, ha definito questo un semplice “teatro dell’innovazione”.

Il pensiero progettuale richiede un certo tipo di pensiero critico, che richiede anni di pratica dedicata ai designer professionisti per essere affinato. Questo è il motivo per cui i designer possono essere guide o facilitatori strumentali, anche se non potranno mai sostituire i team inclusivi e partecipativi.

La creatività del tipo di design richiede una certa capacità di abbracciare la complessità e di ammettere umilmente che ognuno di noi percepisce i problemi e le soluzioni attraverso lenti individuali che sono intrinsecamente personali, politiche, culturali e professionali.

“Questo è il difetto fatale del Design Thinking”, dice il designer Jesse Weaver. “Ignora la realtà in cui è progettato per operare”.

Una storia ben nota nelle critiche al design thinking è quella della PlayPump, una tecnologia che doveva portare acqua potabile a migliaia di comunità africane, ma è fallita a causa di una comprensione molto superficiale della cultura in cui era inserita (e altri fattori descritti in The New Republic).

Come detto prima, è difficile coltivare l’innovazione senza diversità, inclusione, fiducia e “un’atmosfera creativa”, come dichiarato dall’imprenditore e leader della comunità Mohamed Fakihi.

Affinché i team presentino idee audaci e agiscano su di esse, hanno bisogno di sentire che hanno la libertà di fallire, che nel mezzo dell’ambiguità la loro squadra li sostiene, che va bene essere “incasinati”.

Senza queste componenti essenziali della creatività, il design thinking è solo un altro giorno in ufficio, e i risultati saranno sicuramente lo status quo.

Ritorna al Sommario

 

Usare il design thinking per le infografiche

Come accennato in precedenza, il processo di design thinking è utile per molte situazioni e creazioni, e questo include le infografiche. Qui ci sono alcune idee su come usare i principi e le pratiche del design thinking per informare la creazione delle vostre infografiche.

  • Identificate una domanda scottante a cui gli altri stanno cercando di rispondere, poi create un’infografica per rispondere.
  • Prendete in considerazione la creazione di un’infografica che sia incentrata su storie di esperienze, opinioni e/o bisogni delle persone.
  • Valutate se la vostra infografica potrebbe e/o dovrebbe includere dati, informazioni, prospettive o approfondimenti che non avevate inizialmente considerato.
  • All’inizio del vostro processo, spingetevi ad abbozzare il maggior numero possibile di layout diversi per la vostra infografica, e vedete quali nuove idee emergono.
  • Prima di lucidare la vostra infografica, condividete gli schizzi o le bozze con altre persone per imparare a renderla ancora migliore.
  • Chiedetevi: Chi sono esattamente gli esseri umani centrati dalle storie nell’infografica?

design thinking

 

Ritorna al Sommario

 

Sommario: il pensiero progettuale mira alla risoluzione creativa dei problemi, che favorisce l’innovazione tecnica e sociale e altro

Il pensiero progettuale è intrinsecamente centrato sull’uomo. Poiché gli esseri umani sono in qualche modo parte di ogni problema e soluzione a cui siamo interessati, possiamo usare i processi, le pratiche e i principi del design thinking per approcciare quasi ogni situazione, anche se non siamo “designer”.

Ciò che conta è che siamo critici e cauti nel nostro approccio, in modo da poter massimizzare l’utilità del pensiero progettuale e minimizzare la nostra naturale inclinazione ad attenersi allo status quo.

Il pensiero progettuale non è solo un insieme di strumenti ma un insieme di competenze, che dobbiamo lavorare per sviluppare nel tempo. È così che possiamo assicurarci che la trasformazione avvenga davvero.

Incorporate il vostro processo di pensiero progettuale con progetti reali che potete personalizzare usando i modelli facili da usare di Venngage e l’editor drag-and-drop, come potete vedere dai modelli qui sopra. Iniziare è gratuito.