Cattive infografiche: Le peggiori infografiche del 2020 (+ lezioni per il 2021)

By Lydia Hooper, Feb 23, 2022

bad infographics

C’è una lunga storia di persone che creano e usano infografiche, o immagini che comunicano informazioni complesse. Questa storia include il buono e il cattivo, ma quando si tratta del brutto il 2020 prende la torta. 

Come sappiamo, il 2020 è stato irto di ogni sorta di sfide di comunicazione, tra cui la pandemia di COVID-19, le elezioni presidenziali americane fortemente contestate, il primo impeachment del presidente Trump e le crescenti richieste di giustizia razziale in tutto il mondo.

L’anno scorso le infografiche sono diventate una parte più regolare della vita pubblica, con grafici che tracciano i casi e le morti di COVID-19, grafici che mostrano i numeri della disoccupazione e mappe che annunciano i risultati delle elezioni. Alcune di queste immagini hanno aiutato le persone a navigare meglio nei vari aspetti della loro vita quotidiana, e purtroppo alcune hanno aumentato la confusione, il conflitto e la sfiducia. Le persone come me che sono professionisti che lavorano nel design dell’informazione erano a volte stupite, altre volte inorridite.

badinfographicscollage

Ecco la nostra carrellata delle peggiori infografiche del 2020. Perché vogliamo che il 2021 sia molto meglio, e perché Venngage è lo strumento di infografica semplice e potente per aiutarvi a raggiungere questo obiettivo, abbiamo anche delineato alcuni suggerimenti per aiutare a prevenire le cattive infografiche di quest’anno e negli anni a venire.

  1. Rispettate il vostro pubblico
  2. Questo significa non ingannarli facendo brutte infografiche
  3. I dati di qualità non sono negoziabili
  4. Fornite un sacco di contesto nella vostra infografica
  5. Chiedetevi se state usando la migliore visuale
  6. Prestare sempre attenzione agli assi
  7. Per favore, riducete al minimo il disordine nella vostra infografica
  8. Usate titoli ed etichette per chiarire
  9. Usate il colore intenzionalmente
  10. Possedere e correggere i propri errori se si crea una cattiva infografica

NUOVO! Lancio: La guida autorevole alla progettazione di infografiche

Chiunque può creare infografiche professionali con questa guida completa e accessibile. È piena di intuizioni, best practice, esempi, liste di controllo e altro ancora: tutto ciò di cui hai bisogno per fare infografiche che si distinguono sopra il taglio.

Impara come progettare infografiche professionali che ti aiutino a raggiungere i tuoi obiettivi di comunicazione e di business. Guarda il libro qui:

email infographic

Lezione #1: rispettate il vostro pubblico

Mantenendo il tema del 2020, una rete nazionale di notizie (Fox News) ha effettivamente emesso delle scuse in onda per un’infografica che avevano pasticciato. (Parleremo delle scuse più tardi, per ora sappiate che sono sempre una buona idea).

Il grafico di cui si sono scusati faceva parte di una storia sulla relazione tra la performance del mercato azionario e le proteste nella società. Era nel migliore dei casi insensibile e nel peggiore minimizzava le tragedie che ricevevano l’attenzione internazionale.

bad infographics

Quello che la rete ha capito è che avevano una responsabilità verso il loro pubblico di notizie di fornire informazioni in un modo che fosse rispettoso. Tutte le lezioni a venire si estendono da questa idea: Le persone che guardano il vostro grafico vogliono avere fiducia che voi stiate condividendo con loro informazioni degne della loro sempre più scarsa attenzione.

A volte le persone che creano le infografiche, come gli statistici o gli esperti negli uffici governativi, fanno supposizioni sulle persone che alla fine consumeranno quelle infografiche, per esempio sul loro attuale livello di conoscenza. 

Altre volte, le persone creano infografiche con poca conoscenza di dati o statistiche, o di design grafico o informativo, al fine di condividere immagini accattivanti sui social media. Oppure sanno come creare grafici, e li usano solo per rafforzare la storia che vogliono raccontare, senza tener conto dei bisogni del loro pubblico.

In ogni caso, che se ne rendano conto o no, stanno usando le infografiche per comunicare con un pubblico. Tenere questo pubblico in mente è la chiave per comunicare qualsiasi informazione a portata di mano in un modo che migliora la comprensione completa dell’argomento da parte di quel pubblico.

Lezione #2: Questo significa non ingannarli facendo brutte infografiche

Questo è davvero il peggio del peggio. Questi grafici non sono semplicemente pieni di errori, sono grossolanamente distorti, probabilmente per servire specifiche agende.

bad infographics

Potete usare i dati per raccontare una storia, ma avete ancora bisogno di rappresentare quei dati in un modo che sia onesto. Questo è tutto quello che c’è da dire su questo.

Correlato: 5 modi in cui gli scrittori usano grafici ingannevoli per manipolarvi 

Lezione #3: I dati di qualità non sono negoziabili

Ci sono molti miti sulle infografiche, ma forse il più dannoso è “i numeri non mentono”. Il problema è che i numeri non stanno mai da soli. 

Prima di tutto, devono venire da qualche parte, e questo significa che le persone sono coinvolte. Prima che possano essere presentati, i dati devono essere raccolti, organizzati e analizzati. Un sacco di cose possono accadere da una parte all’altra, che siano intenzionali o meno, quindi è importante assicurarsi che i dati utilizzati nelle infografiche soddisfino determinati standard.

Ecco un grande esempio di un’infografica fuorviante basata su una raccolta di dati difettosa. Apple voleva mostrare come i dati sull’uso dell’app Mappe da parte delle persone stavano cambiando durante la quarantena. La presentazione di questi dati implica che le persone stavano camminando meno, ma ciò che è stato trascurato è il fatto che le persone non hanno bisogno di Mappe per fare passeggiate nel loro quartiere.

bad infographics

I dati di qualità provengono non solo da una fonte rispettabile, ma dalla fonte giusta. Questo grafico mostra i dati federali, ma i numeri scelti non sono “riflessi accurati del problema del traffico di esseri umani o in molti casi l’identificazione del traffico di esseri umani”, ha detto a FactCheck.org la direttrice della Scuola di Criminologia e Giustizia Criminale della Northeastern University Amy Farrell.

bad infographics

Dovrebbe anche essere superfluo dire che se si sta usando un certo set di dati, non si dovrebbe dire che si sta usando un set di dati completamente diverso. Questa mappa ha causato panico inutile perché era basata su dati di volo e non su dati sanitari, secondo la BBC.

bad infographics

Anche i dati dovrebbero essere aggiornati, in particolare se i dati tempestivi sono fondamentali per la storia da raccontare. Entrambe le seguenti infografiche segnalate da Reuters non includevano dati aggiornati e quindi travisavano l’impatto di COVID-19.

bad infographics

bad infographics

Lo sforzo di mantenere i dati aggiornati ha causato allarme nel seguente caso notato da PolitiFact. Quando le contee del Wisconsin e del Michigan hanno rilasciato una serie di risultati elettorali, è apparso come un improvviso aumento dei voti democratici per Joe Biden che ha fatto credere ad alcuni che ci fossero prove di frode elettorale. (La lezione che segue questa descrive cosa avrebbe potuto fare la differenza in questo caso).

bad infographics

Se non siete particolarmente esperti di dati, va bene, ma non pretendete di esserlo. L’infografica qui sotto (anch’essa segnalata da PolitiFact) è stata creata sulla base di calcoli che erano errati perché i numeri erano basati su parametri diversi. 

bad infographics

Regina L. Nuzzo, Ph.D. dell’American Statistical Association ha detto a Reuters che questi numeri tentano di semplificare troppo una realtà molto più complicata.

Lezione #4: Fornite un sacco di contesto nella vostra infografica

La realtà è che i numeri devono essere spiegati, e questo include metterli in un contesto adeguato. In alcuni degli esempi di cui sopra, il testo di supporto e/o le immagini avrebbero potuto fornire al pubblico una migliore comprensione di come interpretare al meglio i dati. Qui ci sono altri esempi di opportunità mancate per farlo.

Questo grafico sostiene che le mascherine aiutano ad “appiattire la curva” (o ad abbassare il tasso di crescita dei casi di COVID-19) sottolineando che i paesi con l’uso di maschere hanno avuto tassi di crescita più bassi dei paesi senza uso di maschere. 

bad infographics

Che si sia d’accordo o meno con l’argomento, questo grafico confonde la correlazione con la causalità, che la seguente risposta umoristica evidenzia.

bad infographics

Trascura altri fattori potenziali per i tassi di crescita, come le infrastrutture pubbliche di alta qualità e la pratica di prepararsi a una pandemia di Coronavirus con la prima nei primi anni 2000. 

Molti grafici COVID-19 come quello qui sotto mostrano il conteggio dei casi, e il contesto necessario per questi è che i casi confermati, come nota The Atlantic, forniscono un modo molto limitato di sapere quanto il virus si stia diffondendo, se non altro perché i test non sono qualcosa che ogni singola persona sta facendo. Questo grafico dei casi confermati di COVID-19 negli stati USA ha dato la falsa impressione che solo una manciata di stati avesse la stragrande maggioranza dei casi. 

bad infographics

In alternativa, un grafico a dispersione che utilizza gli stessi dati (come questo creato da Popular Science) ma che mostra la relazione tra i casi confermati e i tassi di test mostrerebbe chiaramente che i luoghi con i più alti tassi di infezione hanno anche i più alti tassi di test. Se non lo sapete, questo è l’aspetto di un grafico di dispersione. Restate sintonizzati per saperne di più sui tipi di grafici.

bad infographics

 

Il contesto conta davvero, specialmente quando si comunica sulla salute. Il dipartimento della salute dell’Arkansas ha usato questi grafici ad arco per mostrare il tasso di condizioni di salute preesistenti nei pazienti che hanno confermato di avere la COVID-19. Poiché le percentuali sono basse e la scala va fino al 100% (parlerò di più delle immagini tra un po’), dà la falsa impressione che non ci si debba preoccupare – la realtà è che anche se i numeri sono bassi queste persone hanno casi gravi che possono portare alla morte. 

bad infographics

La crescita del lavoro è anche più complicata di quanto possa sembrare. I dati sulla disoccupazione usati in questo video implicano che questi numeri siano statici, ma non mostrano ciò che conta davvero, secondo Reuters, cioè come i tassi sono cambiati nel corso delle presidenze di Obama e Trump.

bad infographics

Spesso, fornire un contesto significa semplicemente mostrare più dati su un periodo di tempo più lungo in modo che possano essere messi in una prospettiva più ampia. Per esempio, la prossima infografica fa un caso di ripresa economica, ma mostra solo i dati da gennaio a giugno del 2020.

bad infographics

I grafici che mettono i recenti cambiamenti nell’economia nel contesto, per esempio questo creato da Minnesota Public Radio’s Marketplace con dati dal 2015 al 2020, raccontano una storia più completa. 

Lezione #5: Chiedetevi se state usando la migliore visuale

Quando si tratta di fare infografiche, ci sono così tante opzioni per mostrare dati e informazioni, da tabelle e grafici a mappe e tabelle a icone e illustrazioni. Usare quello che meglio si adatta ai dati e all’argomento è fondamentale per fare grafici che abbiano il massimo senso.

Per esempio, i grafici a torta sono ottimi se avete due o tre categorie che si sommano tutte al 100%, ma sono usati in molte altre situazioni in cui non sono particolarmente utili. Tra i professionisti della visualizzazione dei dati, il grafico a torta è il brutto anatroccolo. Dare un’occhiata a questi errori principali spiega perché.

bad infographics

bad infographics

Poiché le persone hanno difficoltà a usare la dimensione di un’area colorata per distinguere le differenze nei numeri, ci sono altri tipi di immagini con cui essere cauti. Questo grafico a bolle è stato pubblicato dalla Commissione europea, che è stata successivamente accusata di sovrastimare la dipendenza del Regno Unito dal commercio con l’Europa, disturbando così i colloqui commerciali, secondo inews.co.uk.

bad infographics

Siate cauti se stai usando mappe per spiegare, perché i paesi o gli stati con più area geografica saranno naturalmente enfatizzati, come dimostra l’esempio qui sotto.

bad infographics

Le alternative includono cartogrammi e mappe basate su punti (come dimostrato qui da Popular Science), o mappe coropletiche ad area uguale come questa: 

infographics

 

So che alla gente piace essere creativa, ma non andate troppo al di fuori delle convenzioni (di più su questo dopo).

Correlato: Simboli e significati comuni: Come usarli nel design 

Questa prossima infografica sostituisce le barre con le icone, il che non solo rende più difficile la lettura, ma potrebbe anche emarginare alcune donne (nessuna donna vuole sentirsi nana rispetto alle altre) – ricordate sempre il vostro pubblico.

bad infographics

Come detto in precedenza, certi tipi di grafici sono migliori per certi tipi di dati. Ricordate l’esempio in cui un grafico a dispersione avrebbe offerto più contesto del grafico a barre orizzontale? 

Correlato: Come scegliere i migliori grafici per i vostri dati 

Ecco un altro esempio da The Conversation di un grafico a barre che avrebbe dovuto essere un grafico a linee, che è ottimo da usare quando si mostra il cambiamento nel tempo. Come detto prima, fornisce più contesto, al contrario di dover elaborare gli intervalli di tempo sugli assi orizzontali qui (più su questo tra un po’).

bad infographics

Non abbiate paura di usare visualizzazioni di dati, assicuratevi solo che siano significative. Se siete tentati di mettere semplicemente grandi numeri in un grande testo in grassetto, considerate qualcosa di più utile, per esempio una visualizzazione che mostri le tendenze nel tempo. Ecco un altro esempio di un’opportunità mancata dal Dipartimento della Salute dell’Alabama.

bad infographics

Infine, non c’è bisogno di dirlo, ma avere il logo giusto dovrebbe essere un gioco da ragazzi. Il creatore di questo grafico è stato così audace da includere il logo del Texas Department of State Health Services senza il loro permesso, secondo la loro stazione locale CBS, e su una tabella che include dati fuorvianti.

bad infographics

Lezione #6: fare sempre attenzione agli assi

Alcune delle lezioni precedenti qui sono state basate su linee guida generali, ma ci sono anche alcune regole di base che devono essere seguite senza dubbio. 

In primo luogo, un asse orizzontale o X sarà sempre letto da sinistra a destra, quindi i numeri o gli anni devono essere sequenziali e ordinati dal basso verso l’alto. In questa brutta infografica, l’età aumenta verticalmente ma diminuisce orizzontalmente, il che rende più difficile la lettura. Anche l’asse orizzontale non è etichettato, il che aggiunge confusione (ne parleremo più avanti).

bad infographics

Anche gli assi dovrebbero generalmente iniziare a zero, e senza dubbio la spaziatura tra i numeri dovrebbe essere basata sulla dimensione di quei numeri. L’asse verticale nell’infografica qui sotto è incredibilmente fuorviante – sembra che la curva si stia appiattendo quando non è affatto così. 

bad infographics

Ecco un altro esempio di assi distorti, e in questo caso l’errore è triplicato. L’asse orizzontale non è affatto etichettato, e avendo due assi verticali, uno a sinistra e uno a destra, questa infografica sta tentando di forzare una narrazione piuttosto che permettere al lettore di vedere chiaramente i dati.

bad infographics

E per finire, le linee sono difficili da leggere perché sono in 3D e hanno delle ombre, il che ci porta alla prossima lezione.

Lezione #7: Riducete al minimo il disordine nella vostra infografica

Le infografiche sono ottime per comunicare informazioni complesse, ma questo non significa che debbano essere esse stesse eccessivamente complesse. Quando il materiale è complesso, è saggio non semplificarlo eccessivamente, ma è fondamentale almeno chiarirlo. 

È qui che entra in gioco il buon design. È del tutto normale che ci voglia un po’ di pratica per diventare bravi a creare immagini che siano allo stesso tempo complesse e chiare. Se non ci siete ancora arrivati, per favore non pubblicate grafici ridicolmente confusi come questi. 

bad infographics

bad infographics

bad infographics

Guardare disegni come questi non solo fa male agli occhi e al cervello, ma può anche portarvi, come questi autori di Wall Street on Parade, a credere che il creatore dell’infografica potrebbe essere intenzionalmente confuso o nascondente. Rispettate il vostro pubblico ed è più probabile che loro rispettino voi.

Correlato: 7 consigli su come fare una buona infografica 

Lezione #8: Usare titoli ed etichette per chiarire

Anche se questa è la lezione numero otto, questa lezione è fondamentale. Ecco altre buone regole empiriche.

Mantenete i titoli succinti e cercate di usare parole facili da capire per il vostro pubblico. Se potete annunciare il risultato del grafico nel titolo, questo aiuta davvero il pubblico. Ecco uno degli innumerevoli esempi di opportunità perse per farlo.

bad infographics

È anche meraviglioso includere numeri esatti accanto ai punti o alle barre all’interno del grafico. Se lo fate, assicuratevi che la gente sappia cosa state contando. Altrimenti potrebbe finire per confondere come l’esempio qui sotto.

bad infographics

Lo dirò di nuovo: Per favore, etichettate tutti gli assi. Non farlo non può nemmeno compensare un titolo così esemplarmente chiaro come nella prossima infografica.

bad infographics

L’infografica qui sopra è anche difficile da leggere a causa dello sfondo blu-verde scuro e della linea verde chiaro. Parliamo ancora del colore.

Lezione #9: usare il colore intenzionalmente

Ci sono diverse cose preoccupanti nell’infografica qui sotto, e ora che abbiamo imparato così tante lezioni spero che possiate trovarle. Il colore è un ulteriore problema perché non aggiunge alcun significato ovvio, ma il lettore potrebbe aspettarselo o volerlo. È una buona idea colorare la barra più grande in modo diverso, ma in questo caso, quella differenza di colore (così come le differenze di colore tra la serie superiore di barre e la serie inferiore di barre) è troppo leggera così a prima vista sembra una scala di colori.

bad infographics

A volte un cattivo uso del colore aggiunge un disordine inutile, che abbiamo visto in alcuni degli esempi di disordine menzionati in precedenza. 

Correlato: Come scegliere i colori per comunicare efficacemente 

Per questo motivo, i gradienti di colore in particolare dovrebbero essere usati con grande attenzione. Nel prossimo esempio, le barre colorate a gradiente potrebbero distrarre il lettore da ciò che potrebbe imparare se si concentrasse invece sui dati, che non sono nemmeno chiaramente etichettati.

bad infographics

So che molte persone pensano che il colore è ciò che rende le infografiche divertenti, ed è vero, ma non dovrebbe essere usato alla leggera. In questo esempio dell’Arizona Department of Health Services, il gradiente di colore fa sembrare che i casi di COVID-19 nella Navajo County (secondo grafico) siano paragonabili al resto dello stato (primo grafico). E, di nuovo, la mancanza di un asse verticale è semplicemente imperdonabile.

bad infographics

bad infographics

La realtà è che quasi la metà della popolazione della contea di Navajo è nativa americana e la nazione Navajo ha avuto alcuni dei più alti tassi di infezione di tutti gli Stati Uniti, quindi utilizzare dati di qualità e fornire un contesto adeguato gioca un ruolo importante anche qui. Cominciate a vedere come tutti questi pezzi si incastrano?

Lezione #10: Possedere e correggere i propri errori se si crea una brutta infografica

Sappiamo che può volerci del tempo per migliorare in queste lezioni e che gli errori accadranno. Quando accadono, è meglio assumersi la responsabilità, come nel primo esempio menzionato in questo articolo. È anche importante fare i cambiamenti che sono necessari per aiutare la chiarezza e la comprensione. Questo è ciò che aiuterà a ripristinare la fiducia del vostro pubblico.

Ecco perché di tutte le brutte infografiche del 2020, la prossima è la peggiore in assoluto. Non solo esemplifica così tanti degli errori già discussi, ma doveva anche essere un’infografica che è stata “aggiustata” dopo diverse lamentele su precedenti grafici fuorvianti, secondo l’India’s Business Today.

bad infographics

Ora, come fate a sapere se avete fatto un errore, se è come quelli che abbiamo elencato qui o un altro? La buona notizia è che non dovete aspettare che la stampa o Twitter lo venga a sapere. Potete chiedere un feedback a colleghi, soci, anche amici, chiunque possa aiutarvi a ottenere una prospettiva diversa prima di rilasciarlo in modo più ampio o pubblico.

Questi esempi del 2020 dimostrano che le cattive infografiche possono essere create da chiunque – designer professionisti, giornalisti, marketer, politici, esperti di salute pubblica, economisti, persone giovani e vecchie. 

Non importa se siete esperti con software costosi o se usate carta e penna. Qui a Venngage, vogliamo che chiunque sia in grado di creare facilmente disegni intelligenti. Ecco perché abbiamo modelli infografici facili da personalizzare come questo:

infographics

 

In sintesi, non importa se siete designer professionisti, ma ciò che conta è che non ingannate il vostro pubblico, e che prestate attenzione durante tutto il processo, dalla selezione dei dati alla scelta del visual all’aggiunta di colori ed etichette. 

Con tutti i disastri di comunicazione accaduti l’anno scorso, ora sappiamo tutti quanto sia importante poter dire “lezione imparata”!

Potete imparare di più in questo webinar su come riassumere le informazioni e presentarle visivamente.