7 consigli su come fare una buona infografica

By Lydia Hooper, Sep 22, 2021

good infographic

Sempre più aziende usano le infografiche per comunicare internamente su piani e processi, per raggiungere ed educare il pubblico e per migliorare la consapevolezza e la reputazione del marchio.

Questo ha portato molte persone a chiedersi: Cosa rende una buona infografica? Non aiuta il fatto che molte persone che cercano di aiutare le persone a rispondere a questa domanda non sono loro stessi dei designer.

Vorrei condividere ciò che ho imparato da un decennio di esperienza come information designer per chiarire ciò che rende un’infografica non solo buona ma grande.

Non siete designer? Nessun problema. Create le vostre infografiche facilmente con l’Infographic Maker di Venngage.


 

NUOVO! Lancio: La guida autorevole alla progettazione di infografiche

Chiunque può creare infografiche professionali con questa guida completa e accessibile. È piena di intuizioni, best practice, esempi, liste di controllo e altro ancora: tutto ciò di cui hai bisogno per fare infografiche che si distinguono sopra il taglio.

Impara come progettare infografiche professionali che ti aiutino a raggiungere i tuoi obiettivi di comunicazione e di business. Guarda il libro qui:

infographic layout


 

Tabella dei contenuti:

Cosa rende una grande infografica?

Un’infografica è un grafico che viene utilizzato per comunicare informazioni, spesso informazioni che sono complesse in qualche modo. Come dispositivi di comunicazione, le grandi infografiche dovrebbero, soprattutto, essere utili al pubblico.

Le grandi infografiche aiutano il pubblico a interpretare le informazioni e a inquadrarle, o a contestualizzarle, spesso attraverso lo storytelling.

good infographic

 

Questa interpretazione è importante perché è ciò che ci aiuta a comprendere ciò che potrebbe essere complesso.

Le informazioni incluse in un’infografica potrebbero includere ricerche, dati di qualche tipo, descrizioni di parti collegate, dettagli approfonditi, o anche argomenti emotivamente difficili. Comunicare queste informazioni, specialmente se includono più elementi come questi, può essere impegnativo.

Ecco un esempio di un’infografica con diversi tipi di dati e informazioni:

good infographics

 

Riuscite a immaginare di dover leggere un elenco di statistiche, o peggio, di dover decifrare un foglio di calcolo? Ecco perché le infografiche possono cambiare le carte in tavola. Usando le immagini, si aiutano a trasmettere idee in modi che sono accessibili, coerenti, memorabili e convincenti.

Le infografiche possono includere immagini come diagrammi, visualizzazioni di dati, foto, icone, illustrazioni e altro. Le grandi infografiche usano queste immagini deliberatamente per sostenere le idee chiave e aiutare il pubblico a capirle pienamente.

Se siete nuovi nel fare infografiche, guardate questo video su come farne una in cinque passi.

Come fare una buona infografica

Come si fa esattamente a fare una buona infografica? Ecco alcuni consigli per aiutarvi ad iniziare.

1. Evitare i grandi no-no

Fare una grande infografica inizia con, beh, non farne una brutta. Ci sono una manciata di errori che dovreste assolutamente evitare:

  • Ingannare con false informazioni o distorsioni dei dati
  • Sovraccaricare la vostra infografica con distrazioni visive o disordine
  • Trascurando il valorizzare e includere tutti i tipi di persone
  • Rifiutando di correggere questi errori (li facciamo tutti)

Se potete evitare questi errori, siete sulla buona strada per fare una buona infografica.

2. Rendetelo utile al vostro pubblico di riferimento

Forse la vostra infografica è per educare i clienti, o forse è per formare i dipendenti. L’importante è sapere a chi è destinata e tenerlo a mente mentre la si crea.

Considerate cosa possono trarre dalla lettura e come queste informazioni saranno utili per loro. Assicuratevi che sia facile da leggere eliminando il gergo e usando parole che capiranno.

Ecco un esempio di un’infografica creata per un pubblico abbastanza generale:

good infographic

Source: APHA

Ciò che rende questa una buona infografica è che è incredibilmente fattibile. Chiunque la legga può usarla per capire perché, se e quando, dovrebbe prendere in considerazione di fare il vaccino antinfluenzale, così come altri modi per prevenire e prepararsi per un’infezione influenzale. Questo è qualcosa che un ragazzo della scuola media potrebbe capire.

3. Usare lo storytelling per trasmettere messaggi chiave

C’è il sapere quello che volete che sappiano, e poi c’è l’aiutarli ad arrivarci. Lo storytelling dei dati è una grande tecnica per guidare il vostro pubblico attraverso le informazioni. Le infografiche sono grandi mezzi di narrazione; le buone infografiche raccontano storie che le persone ricordano e richiamano nel tempo.

La seguente infografica usa lo storytelling in modo efficace. È importante che inizialmente introduca il pubblico alle informazioni tramite un riassunto molto breve sul perché l’argomento è importante per loro e su ciò che l’infografica coprirà.

La sezione seguente guida il pubblico attraverso alcune intuizioni dalla scienza, e poi li porta attraverso diverse strategie una per una (cliccate sull’immagine per vedere la versione completa). I suggerimenti rendono queste informazioni anche perseguibili.

Si noti che le immagini incluse supportano la narrazione, specialmente le illustrazioni di persone che dimostrano i comportamenti a cui si fa riferimento.

Le buone infografiche non sono semplicemente divertenti da guardare, ma usano le immagini per aiutare il pubblico nel ricevere il messaggio.

4. Scegliere un layout o un modello che si adatti alle informazioni

L’ultimo esempio è stato facile da percorrere perché il layout è stato progettato per aiutare questa navigazione. Alcune informazioni non sono facili da strutturare come un elenco ordinato, un processo in sequenza o una linea temporale.

A volte potete creare un confronto side-by-side, ma altre volte avete un mucchio di statistiche che non siete del tutto sicuri di come intrecciare il tutto.

Il processo di selezione di un modello può aiutarvi a considerare diversi modi in cui potreste organizzare le informazioni in un insieme coerente. Venngage ha una varietà di modelli tra cui scegliere, compresi alcuni per fatti e cifre, alcuni con un focus geografico, e alcuni con le fasi di un viaggio.

Questo prossimo esempio include una serie diversificata di informazioni, inclusi dati quantitativi e descrizioni categoriche. Le informazioni sono raggruppate in temi che potrebbero essere utili al pubblico per capire meglio. Potrebbe non essere una storia lineare, ma il layout aiuta a renderla più facile da leggere.

5. Fate la vostra ricerca

Le infografiche sono uniche perché sono informative. Le buone infografiche usano informazioni da (e citano) fonti affidabili, e mettono queste informazioni in un contesto appropriato per il pubblico.

Per farlo bene, è probabile che voi dobbiate imparare di più sulle fonti di informazione e chiedervi:

  • Questa fonte è affidabile? I dati sono verificabili?
  • Posso condividere questi dati? Ci sono problemi di privacy o altri danni di cui essere a conoscenza?
  • Questi dati o informazioni sono appropriati per la storia e il messaggio?
  • Rivela qualcosa che mi mette a disagio? Come mi assicuro che i pregiudizi inconsci non influenzino la mia interpretazione?

Vale la pena notare che potreste anche aver bisogno di fare ricerche sul vostro pubblico per scoprire cosa gli interessa, qual è il loro attuale livello di conoscenza e quali informazioni sarebbero più utili per loro. Se raccogliete dati di qualsiasi tipo, fate attenzione alla metodologia, e se condividete questi dati con altri spiegate loro la vostra metodologia. Le citazioni in fondo all’ultimo esempio sopra sono un esempio di questo.

Questo è un esempio di un’infografica che ha sicuramente richiesto un sacco di ricerche approfondite. Contiene anche un sacco di linguaggio tecnico, quindi potrebbe non essere adatto a tutti i tipi di pubblico.

Ecco un altro esempio di infografica su un argomento complesso. Il pubblico è costituito da bambini in età scolare, quindi è molto più accessibile, ma c’è ancora molta profondità.

Le buone infografiche bilanciano l’essere ricche di informazioni e accessibili.

6. Usare immagini che aiutano la comprensione

Comprendere da soli le informazioni e i dati vi preparerà a fare delle scelte su quali immagini sono più appropriate da usare, e a etichettare quelle immagini in modo da aiutare gli altri.

Ecco alcune regole generali per scegliere un tipo di visual, ma ricordatevi di tenere a mente l’utilità per il vostro pubblico.

  • I grafici a barre sono i migliori per aiutare le persone a usare i dati per fare confronti (nota, le persone hanno più difficoltà a confrontare l’area o il volume, quindi i grafici a torta, a ciambella e a bolle sono potenzialmente problematici).
  • Le mappe sono ideali se avete informazioni basate sul luogo.
  • Il tempo può essere visualizzato in linee temporali, grafici a linee orizzontali o diagrammi di flusso.
  • Diagrammi come mappe mentali e diagrammi di Venn sono ottimi per spiegare i temi.
  • Le foto di volti umani sono ottime per suscitare emozioni, e le foto possono anche essere ottime per mostrare il cambiamento nel tempo o fare riferimento a persone specifiche.

Le buone infografiche non si limitano a usare il tipo “giusto” di immagini, ma le usano nel posto giusto e nel modo giusto.

Gli elementi visivi dovrebbero rafforzare i messaggi chiave ed essere il più concisi e diretti possibile.

Non volete che il vostro pubblico si gratti la testa, volete che abbia un “aha”.

Ecco un esempio di un’infografica che avrebbe potuto essere presentata in modo molto più complicato, ma la sua semplicità aiuta a cogliere l’idea molto rapidamente. Vedrete che ciò che aiuta molto sono tutte le annotazioni o etichette accuratamente posizionate – a sinistra, in alto ed a destra delle linee.

good infographic

Source: Nathan Yau

Anche l’uso ponderato del colore è essenziale. Il colore può aiutare:

  • Evidenzia le informazioni più importanti, come l’uso del rosso nell’infografica “9 modi” qui sopra.
  • Raggruppa gli elementi per chiarezza, come nell’infografica “5 freelance” qui sopra.
  • Mette gli elementi in ordine, come nell’infografica “COVID-19” qui sopra.

Le buone infografiche sono effettivamente colorate, ma il colore è usato non solo per attirare l’attenzione ma per focalizzarla intenzionalmente.

7. Rendetelo memorabile

La cosa più importante è fare un punto che sia utile e farlo rimanere impresso, quindi non abbiate paura di usare un po’ di creatività.

Ma non prendetevi così tanta libertà creativa da ingannare o distrarre il vostro pubblico. Questo rovina la credibilità e non volete che si ricordino che siete inaffidabili.

Ecco altri due esempi di buone infografiche. Entrambi sono particolarmente memorabili perché il designer ha pensato fuori dagli schemi quando si è trattato di presentare le informazioni.

good infographic

Source: GOOD

 

Assicuratevi di condividerlo!

Ok, questo non è un consiglio per fare una buona infografica, ma è un consiglio per quelli che lo fanno. Se la vostra infografica è buona o grande, non sarà utile agli altri finché non la condividete. Condividerla può essere utile anche a voi, cosa che vi spiegherò nella prossima sezione.

Come faccio a sapere se la mia infografica è buona?

Questi suggerimenti sono ottimi per iniziare, ma diventare abili nel creare buone infografiche è una pratica continua. Potete usare questa lista di controllo basata sui suggerimenti di cui sopra per aiutarvi nel vostro processo.

good infographic

 

Anche se spero che questa lista di controllo sia uno strumento utile, il modo migliore per sapere se la vostra infografica sta avendo l’impatto che vorreste è chiedere al pubblico. Questo vi aiuterà anche a identificare quali elementi potete cambiare e quali abilità potete lavorare per migliorare nel tempo. È possibile utilizzare la casella vuota sotto la lista di controllo nell’immagine qui sopra per prendere appunti per un riferimento futuro.

Risposte ad altre domande frequenti

Dove posso fare una buona infografica?

Ci sono diverse opzioni di software di design da considerare. Nella mia recente carrellata, spiego che alcuni sono molto più difficili da imparare, mentre altri sono troppo basilari per creare infografiche.

Venngage è nel dolce punto di facile e potente. Offriamo numerosi modelli per esigenze aziendali, caratteristiche per il branding e la collaborazione, e un sacco di supporto, tutto per aiutarti a creare buone infografiche.

good infographic

 

Quali contenuti o dati fanno una buona infografica?

La maggior parte dei contenuti è appropriata, da concetti e processi a statistiche e linee temporali. Ciò che rende una buona infografica non riguarda tanto il giusto tipo di contenuto quanto la giusta quantità e il giusto flusso di contenuto. I suggerimenti e gli esempi di cui sopra dovrebbero aiutarvi ad avere una buona idea di ciò che funziona bene. Se avete bisogno di aiuto per riassumere le informazioni che vorreste condividere, guardate questo articolo del blog e questo webinar.

Qual è una buona larghezza dell’infografica?

La risposta a questo dipende interamente da dove e come volete usare la vostra infografica. Volete stamparla su un poster 18″x24″ o includerla in una pagina web? Se volete includerla in una newsletter via e-mail o pubblicarla sui social media, tenete presente che dovrebbe essere leggibile sui dispositivi mobili (640 x 320 pixel è una buona regola in questo caso). Non dimenticare che le immagini più grandi richiedono più tempo per essere caricate. Dal momento che le infografiche sono spesso al centro della scena online, vi consiglio di testare ciò che funziona meglio abbastanza presto nel vostro processo di creazione.

Quali sono i buoni font infografici?

Ottima domanda! Caratteri appropriati (o caratteri tipografici, come li chiamiamo noi designer) non solo aiuteranno il vostro pubblico a leggere facilmente l’infografica, ma possono effettivamente far apparire le informazioni più credibili.

Concentratevi sull’assicurarsi che il font principale o del corpo sia super facile da leggere (vedi la tabella qui sotto per alcune idee) e poi selezionate un font più stilizzato per le intestazioni che si abbini bene con esso. Leggete questo blog per un approfondimento.

good infographic