Guida per principianti alla creazione di infografiche con mappe (15 modelli inclusi)

By Lydia Hooper, Feb 24, 2022

Beginner's guide to Map Infographic

Una delle cose più belle delle infografiche è che possono includere i più fantastici tipi di elementi visivi, dalle illustrazioni alle visualizzazioni di dati alle foto. Uno degli elementi che può essere il più versatile, e il più dettagliato, sono le mappe.

Se la posizione gioca un ruolo importante nella storia dei vostri dati, è essenziale includere una mappa nella vostra infografica. Forse volete mostrare le sedi delle aziende, le tendenze di vendita negli Stati Uniti, dove i vostri dipendenti lavorano in remoto, i risultati dei sondaggi basati sulla posizione, o i dati demografici in un nuovo mercato a cui state puntando.

Ecco un esempio di una mappa su una tendenza che interessa molte industrie:

map infographic east coast map

 

Qui ce n’è un altro su quali continenti stanno dominando una quota di mercato:

map infographic market share by continent

 

Ci sono innumerevoli scenari in cui una mappa può aggiungere molto alla vostra comunicazione visiva. Ma cosa serve per produrle?

Troppo spesso, fare mappe accurate e basate sui dati richiede l’uso di strumenti analitici complessi e di conoscenze specialistiche. Ma se non state cercando di analizzare nulla, e volete solo creare e condividere mappe visive, potete facilmente iniziare oggi con le informazioni contenute in questo articolo e i potenti strumenti di Venngage.

Esatto, non c’è bisogno di scaricare un nuovo software o avere a che fare con un sacco di tabelle goffe, e non è necessario essere un designer professionista. Potete creare rapidamente mappe informative online con il Map Maker di Venngage.

NUOVO! Lancio: La guida autorevole alla progettazione di infografiche

Chiunque può creare infografiche professionali con questa guida completa e accessibile. È piena di intuizioni, best practice, esempi, liste di controllo e altro ancora: tutto ciò di cui hai bisogno per fare infografiche che si distinguono sopra il taglio.

Impara come progettare infografiche professionali che ti aiutino a raggiungere i tuoi obiettivi di comunicazione e di business. Guarda il libro qui:

email infographic

Volete saperne di più su altri tipi di infografiche? Leggete il nostro blog sui 9 tipi principali di infografiche o guardate il video qui sotto:

Clicca per saltare avanti:

 

3 cose da sapere prima di iniziare con le infografiche di mappe

Le mappe sono ottimi modi per raccontare storie basate sul luogo, specialmente se sono storie di dati, ma sono speciali anche per altre ragioni.

1. Le mappe sono rappresentazioni bidimensionali della nostra Terra tridimensionale

È utile tenerlo a mente dato che traducendo il 3D in una superficie 2D è quasi impossibile evitare distorsioni di qualche tipo. Queste distorsioni possono influenzare la percezione.

Questo è il motivo per cui la Groenlandia appare spesso simile alle dimensioni del Sud America, e l’Alaska nanizza il Messico, il che non è affatto accurato. (Questa rappresentazione tipica è nota come proiezione di Mercatore).

map infographic infamous volcanoes around the world

 

Anche se non avete intenzione di diventare un cartografo professionista (creatore di mappe), è necessario conoscere questa distorsione come comunicatore visivo. La suddetta rappresentazione, anche se inavvertitamente, minimizza l’emisfero meridionale, e questo è fondamentale da tenere a mente se l’Africa e il Sud America sono luoghi importanti per la vostra storia o il vostro pubblico.

2. Le mappe possono mostrare i luoghi in varie scale

Si può visualizzare l’intero globo, o una contea, uno stato, persino un quartiere.

Quando create una mappa, dovrete considerare quale sia la più significativa per la vostra storia. Questo esempio mostra luoghi sparsi in una regione e identifica l’indirizzo specifico di ogni luogo.

map infographic royal resort lodging map

 

Con il Map Maker di Venngage, potete creare una mappa del mondo, un continente, un paese, così come province o territori canadesi o uno stato americano. Per quest’ultimo, è possibile mappare i dati fino al livello di contea, e si possono anche aggiungere automaticamente le etichette per ciascuno (in modo da non doverlo fare manualmente uno per uno).

3. Le mappe sono astrazioni del mondo reale

Come rappresentazioni, le mappe mostrano un’area in modo abbastanza generale. Poiché vogliamo che appaiano anche accurate, specialmente se le usiamo per comunicare dei dati, dobbiamo assicurarci di non usarle per fuorviare le persone, anche se accidentalmente.

Fate attenzione alle convenzioni di base delle mappe, come ad esempio:

  • Nell’emisfero settentrionale, si presume che quando si guarda una mappa, le località settentrionali saranno in alto e quelle più meridionali saranno in basso (anche quelle orientali saranno verso destra e quelle occidentali verso sinistra).
  • Le linee che attraversano le aree sono generalmente assunte come confini di qualche tipo.
  • I dati dovrebbero essere visualizzati in un modo che aiutino i lettori a interpretarli facilmente (continuate a leggere per altri suggerimenti su come farlo bene).

map infographic misleading maps

 

Potete saperne di più su come assicurarvi di non ingannare il vostro pubblico in 5 Ways Writers Use Misleading Graphs to Manipulate You e The Worst infographics of 2020 (+ Lessons for 2021).

 

Lista di controllo per la progettazione di mappe per infografiche

Ora siete pronti a partire con la creazione di mappe da includere nella vostra infografica. Ecco una lista di controllo delle cinque cose da fare.

1. Considerate i vostri dati

Avete già delle informazioni a portata di mano, come fogli di calcolo, dati di sondaggi o una lista di luoghi? Assicuratevi di avere il permesso di condividere i dati. Potrebbe essere necessario aggregare, o riassumere, i dati per contea, stato, ecc. Questo non solo vi aiuta a preparare la visualizzazione, ma aiuta anche a garantire che la privacy individuale sia protetta.

Potreste anche considerare di usare dati pubblici relativi a un’area di interesse, come la demografia, i prezzi, la salute, ecc. Alcune buone fonti dati includono la Banca Mondiale, U.S. Census Bureau e Data.gov. Se siete nuovo nell’uso dei dati geospaziali, vorrete scaricare un file CSV o XLS e poi aprirlo usando Excel, Google Sheets, o un altro programma di fogli di calcolo per visualizzare i dati per paese, stato, contea, ecc.

Una volta che avete i vostri dati, chiedetevi se hanno bisogno di essere normalizzati, per esempio per mostrare i tassi per popolazione. È meno significativo conoscere il numero di incidenti d’auto nelle città del vostro stato, e più significativo sapere se alcune città hanno un numero sorprendentemente alto di incidenti data la dimensione della popolazione.

Un’ultima cosa da considerare: Molte mappe basate sui dati sono mappe coropletiche, il che significa che le aree sulla mappa sono colorate in base ai dati statistici associati a quell’area. Per queste mappe, i dati devono essere classificati o raggruppati in intervalli di dati o classi. Il modo in cui i dati sono raggruppati cambia l’aspetto della mappa, e quindi come i lettori interpreteranno i dati. Ecco alcune buone regole empiriche (se volete maggiore profondità, questo articolo di Esri offre ottimi esempi):

  • Non creare più di cinque raggruppamenti o classi. Avere più gruppi può rendere la mappa più accurata, ma può anche renderla più difficile da leggere.
  • Se avete dei dati che sono distribuiti abbastanza uniformemente su un intero intervallo, potete usare classi basate su intervalli uguali, per esempio 0-10, 10-20 e 20-30.
  • Se avete dei dati che non sono distribuiti uniformemente, considerate l’uso di interruzioni naturali guardando dove ci sono cluster evidenti e vuoti all’interno della gamma di dati.

Ecco un esempio di una mappa coropletica che spezza i dati in intervalli uguali. Funziona bene perché la visualizzazione rafforza il messaggio principale, vale a dire che gli Stati Uniti spendono molto di più di altri paesi per l’assistenza sanitaria.

Grafico della mappa della spesa sanitaria degli Stati UnitiInfografica di Venngage

 

2. Decidete cosa volete simboleggiare

No, non intendo quali icone si potrebbero usare, non esattamente. In cartografia, la simbologia si riferisce a:

  • Punti che rappresentano luoghi come città o case
  • Linee che rappresentano caratteristiche geografiche come confini o fiumi 
  • Aree che rappresentano regioni di terra o acqua 

Correlato: 12 Modelli di infografiche geografiche e suggerimenti per il design 

Ecco un esempio di mappa che mostra i continenti attraverso le aree bianche, i paesi attraverso i confini blu tra di loro, e le città attraverso i punti numerati.

map infographic how to travel in the off season

 

Ricordate come l’area può essere distorta su una mappa? L’area può anche distorcere il modo in cui un lettore vede una mappa: Le persone possono inavvertitamente interpretare male i dati in base alla dimensione dell’area, il che significa che i paesi o gli stati con più area geografica sono naturalmente enfatizzati. Alcune buone alternative includono mappe basate su punti (come questo esempio apparso su Popular Science), o mappe coropletiche di area uguale come questa.

map infographic US equal area choropleth map

 

3. Usare il colore per chiarire

Ancora una volta, le mappe sono speciali. Spesso nel design pensiamo alle palette di colori basandoci su cose come tendenze, branding, stati emotivi, ecc. Quando si tratta di mappe, il colore è un dispositivo di comunicazione vitale che richiede un diverso tipo di pensiero.

La prima cosa da tenere a mente sono le convenzioni di base delle mappe:

  • Il blu è usato quasi esclusivamente per mostrare corsi d’acqua e corpi idrici.
  • Il verde e/o il marrone sono spesso usati per mostrare le masse terrestri.
  • Rosso e blu sono spesso usati in contesti politici, per indicare rispettivamente repubblicano e democratico.
  • La cultura conta! Per esempio, le comunità First Nation o native possono preferire certi colori che hanno significati specifici per loro, mentre altre culture possono interpretare gli stessi colori in altri modi (ecco una risorsa da esplorare).

Se state visualizzando i dati, dovrete anche pensare a come aiutare le persone a interpretare facilmente i dati utilizzando colori appropriati.

  • Se volete aiutare i lettori a concentrarsi facilmente sui luoghi con i valori più alti, usate il bianco per i valori più bassi e una tonalità più scura di un colore per i valori più alti.
  • Se volete che i lettori distinguano tra i luoghi con i valori più alti e quelli con i valori più bassi, provate a usare un giallo più chiaro per i valori più bassi e un verde o blu più scuro per i valori più alti.
  • Se state usando dati non quantitativi, per esempio ordinando i luoghi in diverse categorie, usate colori distinti nella tavolozza, come viola, arancione e verde.

Ecco un esempio di mappa che usa un giallo più chiaro per mostrare valori bassi e il blu per mostrare valori più alti. Questo permette al lettore di identificare più facilmente le contee della California dove ci sono state perdite significative di popolazione e quelle dove c’è stata una crescita significativa della popolazione.

map infographic california population decline past decade map

 

Dovrete anche considerare i colori che sono appropriati per il daltonismo, che è più comune di quanto si possa pensare. Un buon punto di partenza è quello di non usare il rosso e il verde insieme.

4. Etichettate i luoghi che contano

Quando iniziate a etichettare paesi, stati, città, ecc., tenete presente che vorrete ridurre al minimo il disordine nella vostra mappa, in modo che sia facile da leggere velocemente. Invece di etichettare ogni strada, fiume e albero, concentratevi sull’etichettatura dei luoghi che contano di più. Potete etichettare con i luoghi, come le etichette della contea nella mappa appena sopra, e/o potete etichettare i dati (vedi la mappa nella prossima sezione qui sotto).

Potete aggiungere queste etichette in uno di questi modi:

  • Aggiungere l’etichetta direttamente sopra o proprio accanto alla località (vedere la mappa Equal-Area qui sopra)
  • Aggiungere l’etichetta a lato della mappa, con una linea o una freccia che punta alla posizione (vedere la mappa Royal Resort Lodging sopra)
  • Indicare i luoghi con numeri o icone che sono descritti ulteriormente in una legenda separata o nel testo (vedere l’esempio qui sotto)

map infographic wildlife in australia map

 

Questo esempio dimostra anche una buona pratica: Mettere il nome del luogo chiave nel titolo della mappa e/o nel titolo dell’infografica.

Le icone utilizzate attirano anche una maggiore attenzione visiva sui luoghi, quindi potreste considerare questo approccio se non ingombra la mappa infografica. Il Map Maker di Venngage ha una libreria in-editor di migliaia di icone gratuite che potete includere.

5. Non dimenticare i dettagli

Alla fine, siete pronti per alcuni ritocchi finali. Ecco alcuni dettagli che probabilmente vorrete includere da qualche parte vicino alla mappa:

  • Una legenda che aiuta i lettori a capire cosa significano le icone, i colori, ecc. usati nella mappa
  • Nome, ed eventualmente un URL, della/e fonte/i di dati
  • Se state mostrando dettagli alla scala della città, del codice postale o del quartiere, potreste voler includere una barra di scala che aiuti le persone a capire quante miglia o chilometri ci sono tra i punti sulla mappa

La cosa più importante, con tutti gli elementi di questa lista di controllo, è assicurarsi che il vostro lettore possa capire facilmente il messaggio che la vostra mappa sta comunicando. In questa mappa, la legenda mostra che i colori corrispondono ai prezzi del gas negli Stati Uniti, ma le etichette sulla mappa aiutano davvero il lettore a identificare i valori per ogni stato.

map infographic americans pay more for gas map

 

Mettere insieme: infografiche con mappe

Spesso una mappa è solo una parte di un’infografica, che può anche includere elementi come altre visualizzazioni di dati, illustrazioni, icone, testo narrativo, ecc. Vorrete assicurarvi che la vostra mappa sia ben integrata con l’intera storia che state raccontando.

Ancora una volta, cercate di non sopraffare il lettore con troppe immagini o troppo testo, e aiutatelo a leggere facilmente l’infografica enfatizzando elementi importanti come titoli e punti chiave dei dati attraverso le dimensioni o il colore. Se avete bisogno di aiuto con questo, potete iniziare con uno dei modelli di mappa già fatti da Venngage, creati dai nostri designer interni, e fare modifiche in modo che il contenuto si adatti meglio al vostro argomento.

Ecco alcuni esempi. Il primo usa una mappa per orientare il lettore verso un luogo che è centrale per l’argomento. Non ci sono caratteristiche geografiche o politiche degne di nota, ma l’uso del blu sullo sfondo evidenzia efficacemente che l’Islanda è un’isola. Le icone sono usate per richiamare l’attenzione sugli elementi testuali, che sono distanziati ma non affollano la mappa.

map infographic facts about iceland

 

Ecco un altro esempio di una mappa che non include dati, ma è invece inclusa per aiutare le persone a localizzare luoghi chiave, in questo caso gli stati degli Stati Uniti. Le informazioni su questi stati sono elencate sotto la mappa più importante, con icone che si riferiscono al contenuto. Le icone sono anche usate nella mappa, insieme alle etichette, per attirare l’attenzione sugli stati chiave.

map infographic 6 states and what they're best known for map

 

In questo prossimo esempio, la grande mappa del Giappone aiuta il lettore a collegarsi al paese da cui provengono i dati. Mentre i dati non sono inclusi nella mappa, sono inclusi nell’infografica, e alcuni sono visualizzati in una linea temporale e in un grafico a torta.

map infographic 2011 japan earthquake and tsunami infographic

 

Quest’ultimo esempio include una mappa basata sui dati, oltre a grafici a torta, grafici a icone e un grafico a linee. Mentre le altre immagini aiutano il lettore a capire le tendenze generali, la mappa lo aiuta a riconoscere le tendenze basate sulla geografia o sulla posizione.

map infographic love in the time of internet

 

Potete esplorare altri modelli di infografiche di mappe in questo blog e nella nostra pagina dei modelli.

 

In sintesi: la mappa infografica è un potente strumento per raccontare la storia dei dati

Ora che avete visto quanto possono essere versatili e d’impatto le mappe, sono sicuro che sarete d’accordo che vale la pena di dedicare un po’ di tempo a pensare a renderle il più chiare e convincenti possibile.

Ricordate, se il luogo è importante, lo è anche una mappa. Con questa guida, ora siete pronti per iniziare a creare e condividere infografiche di mappe! Potete iniziare a creare la vostra infografica su mappa gratuitamente usando i modelli di Venngage facili da modificare e l’intuitivo Map Maker.