Tutto quello che c’è da sapere sulla scelta dei font del marchio

By Midori Nediger, Mar 15, 2022

brand fonts

Come scegliere i font perfetti per il marchio (clicca sui link per saltare avanti ad ogni sezione):

  1. Scoprite la personalità del vostro marchio
  2. Scoprite i tratti di personalità di ogni categoria di carattere
  3. Conoscere il proprio budget e i requisiti di licenza
  4. Scegliete un paio di font di marca che si abbinino alla personalità del vostro marchio
  5. Assicuratevi che i font del vostro marchio soddisfino 3 requisiti di base

Costruire un’identità di marca non è un compito facile.

Il design del logo, il design del biglietto da visita, la messaggistica del marchio, i colori e i caratteri del marchio devono tutti unirsi per raccontare la storia del vostro marchio.

E questa storia deve risuonare con il vostro pubblico.

Nessuna pressione.

brand-fonts

Quindi vediamo se possiamo demistificare solo una parte di questo processo: scegliere i font perfetti per il vostro marchio.

I font del marchio perfetto dovrebbero:

  • Essere unici e memorabili
  • Essere leggibile
  • Lavorare su ogni piattaforma
  • Comunicare la personalità del vostro marchio

Continuate a leggere per imparare tutto quello che dovete sapere sulla scelta dei font del marchio.

Siete nuovi del branding? Imparate tutto quello che dovete sapere sul branding in 3 minuti:

1. Scoprite la personalità del vostro marchio

Ogni identità di marca ha bisogno di una personalità ben definita. Una chiara personalità del marchio sarà ciò con cui i vostri clienti si relazioneranno, si connetteranno e si ricorderanno di voi. Questo può giocare un ruolo nell’aumentare la consapevolezza del vostro marchio.  

Tutti i componenti del vostro marchio – la voce, lo schema dei colori, il design del logo e i caratteri – dovrebbero allinearsi e comunicarne la personalità.

Se la personalità del vostro marchio non è già ben definita, passate un po’ di tempo a pensare a come vorreste che il vostro marchio fosse percepito prima di provare a trovare i font del vostro marchio.

Non siete sicuri da dove cominciare? Lavorate con i vostri stakeholder per scegliere 3-4 aggettivi dalla lista qui sotto:

brand fonts

Con la personalità del vostro marchio in mente, sarete pronti a entrare nel mondo selvaggio dei font e della tipografia.

2. Scoprire i tratti di personalità di ogni categoria di carattere

Se non siete un nerd della tipografia, potreste non avere familiarità con l’idea delle categorie di font. Ma possono essere un buon punto di partenza per la vostra ricerca dei perfetti font di marca.

Le categorie di font sono classificazioni che aiutano i designer a scegliere, accoppiare e identificare i font.

Ogni categoria ha le sue caratteristiche uniche (a volte ci si riferisce a questo come alla psicologia dei font), quindi comprendere queste categorie è fondamentale per trovare i font giusti per la personalità del vostro marchio. Vi aiuteranno a restringere la vostra ricerca e ad affinare la sensazione giusta per il vostro marchio.

Ecco sei delle classificazioni di base dei font:

  • Serif
  • Sans-serif
  • Slab serif
  • Script
  • Scritto a mano
  • Decorativo

brand fonts

 

I font serif sono classici, tradizionali e affidabili

I font serif sono lo stile di carattere più antico, che ha avuto origine nel 15° secolo. Prendono il nome dai piedi (chiamati serif) che si vedono in cima e in fondo ad ogni lettera.

brand fonts

Poiché i font serif sono lo stile originale, generalmente li percepiamo come classici, tradizionali e affidabili (come si vede nel design del logo qui sotto):

brand fonts

 

Sono favoriti dai marchi che vogliono trasmettere una sensazione di rispettabilità e tradizione, come Tiffany & Co, Vogue e Time Magazine.

brand fonts

Alcuni popolari font serif includono:

  • Times New Roman
  • EB Garamond
  • Display Playfair
  • Baskerville
  • Lora
  • Merriweather

I font sans-serif sono moderni, puliti e aiutano a creare un design minimale

I font sans-serif non sono emersi fino al XIX secolo, molto più recentemente dei tradizionali font serif, quindi tendiamo a percepirli come più moderni.

I font sans-serif sono anche molto più semplici nella forma dei font serif, quindi tendono ad evocare un senso di pulizia e aiutano a dare un design minimale, come si vede nel design del logo qui sotto.

brand fonts

 

I font sans-serif hanno preso il sopravvento sul web negli ultimi anni, con molte delle migliori aziende tecnologiche che hanno scelto font di marca sans-serif audaci:

brand fonts

I font sans-serif più comuni includono:

  • Helvetica
  • Arial
  • Open Sans
  • Roboto
  • Source Sans Pro

I font Slab serif sono audaci, eccentrici e sicuri di sé

Gli Slab serif, una razza speciale di font serif, sono caratterizzati da serif più grandi e più blocchi. Come risultato, hanno un aspetto un po’ più robusto, audace ed eccentrico dei font serif tradizionali.

brand fonts

 

Questo tipo di font funziona bene per le aziende con una lunga e provata storia di produzione di prodotti di qualità che vogliono ancora apparire attuali:

brand fonts

Alcuni popolari font slab serif includono:

  • Rockwell
  • Roboto Slab
  • Courier New
  • Arvo

I font script sono eleganti e unici

I font script, caratteri eleganti progettati per imitare la scrittura corsiva, hanno tratti di carattere che collegano una lettera all’altra.

Proprio come la calligrafia di ognuno sembra unica, ogni font script è molto particolare. Essi tendono a seguire le tendenze del design del giorno, rendendo i font script una scelta rischiosa per un font di marca, in quanto potrebbero cadere fuori moda troppo rapidamente.

Eppure, i caratteri script utilizzati da marchi come Ford, Johnson & Johnson, Cadillac e Instagram hanno superato la prova del tempo (finora).

brand fonts

Ecco alcuni font script alla moda che sono popolari oggi:

  • Lucida Script
  • Pacifico
  • Allura
  • Dancing Script
  • Satisfy

I font scritti a mano sono informali e artistici

I font scritti a mano sono abbastanza autoesplicativi… sono font che sembrano essere stati scritti a mano.

A volte incorporano strane forme di lettere, e sono circa quanto di più diverso dai tradizionali font serif si possa avere.

Sono una scelta divertente se volete presentarvi come un marchio giocoso, informale, accessibile o artistico, come si vede in questo logo di caffetteria qui sotto:

brand fonts

 

Alcuni esempi di font scritti a mano attualmente disponibili su Google Fonts sono:

  • Knewave
  • Permanent Marker
  • Patrick HAnd
  • Amatic SC
  • Just Another Hand 

I font decorativi sono stilizzati, distintivi e drammatici

I font decorativi sono i più diversi. Includono tutti i font che usano forme uniche, forme o proporzioni per un look altamente stilizzato, come i font graffiti.

I loghi di Lego, Disney e IBM presentano caratteri decorativi distintivi che rendono i loro marchi particolarmente memorabili:

brand fonts

Questi font potenti sono meglio usati in piccole dosi, quindi usateli a vostro rischio e pericolo. Tendono ad essere un po’ più trendy, cosa che potreste voler evitare se volete che il vostro marchio duri negli anni a venire.

Alcuni divertenti font decorativi includono:

  • Fredericka
  • Fredoka One
  • Lobster Two
  • Bangers

Per riassumere, ecco i tratti di personalità delle 6 principali categorie di font:

  • I font serif sono classici, tradizionali e affidabili
  • I font sans-serif sono moderni, puliti e aiutano a creare design minimali
  • I font Slab serif sono audaci, eccentrici e sicuri di sé
  • I font script sono eleganti e unici
  • I font scritti a mano sono informali e artistici
  • I font decorativi sono stilizzati, distintivi e drammatici

brand fonts

Scoprite di più sulle personalità dei font nella nostra guida: Come scegliere i font che fanno (e non distrugguno) la vostra infografica.

3. Conoscere il proprio budget e i requisiti di licenza

Prima di iniziare a scegliere seriamente i font del vostro marchio, dovreste pensare a come vi procurererte i font.

Alcune librerie di font offrono font gratuiti e open-source, tra cui:

Potete trovare una lista curata di font gratuiti nell’editor di Venngage, rendendolo il terreno di gioco perfetto per testare i font di marca:

brand fonts

Anche se conveniente, le librerie di font gratuite tendono ad offrire una selezione limitata di font, e questi font potrebbero essere disponibili solo in pochi stili diversi (come il grassetto o il corsivo). Potrebbe essere difficile trovare famiglie di font con una gamma di pesi e stili diversi (come light, regular, semibold, bold e altro).

Altre librerie di font offrono licenze di font a pagamento, tra cui:

Queste librerie possono darvi accesso a molte più opzioni, ma possono diventare costose. La maggior parte delle librerie di font a pagamento applicherà tariffe individuali per ogni tipo di licenza di font. Quindi se volete usare il vostro nuovo font sul web, in un’app per cellulari e per materiali di stampa, probabilmente dovrete pagare per tre licenze separate.

brand fonts

Che voi scegliate font gratuiti o a pagamento dipende da voi, ma quando prendete la vostra decisione, considerate dove saranno usati i font del vostro marchio.

4. Scegliere un paio di brand font che si abbinano alla personalità del vostro marchio

Una volta che avete familiarità con la personalità del vostro marchio e avete una conoscenza delle diverse categorie di font, dovreste essere pronti a provare alcuni font per il vostro marchio (con il vostro business plan e piano di marketing in mente). 

Ma le categorie di font che abbiamo esaminato sopra non raccontano davvero tutta la storia quando si tratta di personalità di font.

C’è una tonnellata di variazioni di stile all’interno di ogni categoria che ha un impatto sull’atmosfera di ogni font, e anche il modo in cui si accoppiano i font gioca un ruolo enorme.

Vediamo quindi alcuni schemi di abbinamento di font che funzionano per diverse personalità del marchio.

Abbinate un’intestazione in grassetto serif con una sottointestazione sans-serif indefinita per una sensazione accessibile ma affidabile

Il contrasto tra gli stili serif e sans-serif li rende un’accoppiata naturale, permettendoti di bilanciare i tratti moderni del font sans-serif con l’atmosfera affidabile del font serif.

brand fonts

 

Alcuni abbinamenti serif/sans-serif equilibrati includono:

  • Abril Fatface (testata), Montserrat (sottotesta)
  • Rozha One (intestazione), Raleway (sottointestazione)
  • Abril Fatface (intestazione), Quicksand (sottointestazione)

Utilizzate un unico font sans-serif minimale per un look moderno, professionale e aziendale

Potete provare ad abbinare una versione in grassetto di un font sans-serif moderno con una versione regolare dello stesso font per un look elegante e professionale.

Non si può davvero sbagliare quando si abbina un font con se stesso, quindi è un approccio sicuro se non si è sicuri delle proprie capacità tipografiche.

brand fonts

 

Alcune opzioni di abbinamento di font sans-serif dal design minimale includono:

  • Economica Bold (intestazione), Economica Regular (sottointestazione)
  • Montserrat Regular (intestazione), Montserrat Bold (sottointestazione)
  • Source Sans Pro Bold (intestazione), Source Sans Pro Regular (sottointestazione)

Usate font sottili, stilizzati, sans-serif per una sensazione elegante e di alto livello

Secondo la ricercatrice di psicologia dei font Sarah Hyndman, i font più sottili e leggeri sono costantemente valutati come più costosi di quelli più pesanti e arrotondati.

Come nell’esempio qui sotto, potete creare un look delicato e di alto livello mescolando un’intestazione sans-serif sottile con una sottointestazione serif leggera:

brand fonts

 

Quindi, se state cercando font eleganti, leggeri e sottili, come:

  • Julius Sans One
  • Display Playfair
  • Poiret One
  • Verdana

Usate font sans-serif spessi e arrotondati per una sensazione giovanile e amichevole

I sans-serif spessi e arrotondati hanno l’effetto opposto ai font sottili e leggeri: appaiono giocosi, accessibili e giovanili.

Come si vede nel design del logo qui sotto, si abbinano bene con attività incentrate sui bambini, come asili o ristoranti:

brand fonts

 

Per questa sensazione amichevole e a basso costo, usate abbinamenti di font più spessi e arrotondati come:

  • Quicksand Bold (intestazione), Open Sans (sottointestazione)
  • Fredoka One (testata), Montserrat (sottotesta)
  • Quicksand Bold (intestazione), Quicksand Regular (sottointestazione)

Usate un unico carattere serif tradizionale per una sensazione conservativa e affidabile

Simile al modo in cui abbiamo abbinato una versione in grassetto con una versione regolare dello stesso font sans-serif, un altro metodo infallibile per abbinare i font è quello di variare la capitalizzazione del font.

Possiamo accoppiare una versione all-caps di un font serif con se stesso per un look che è neutrale, convenzionale e affidabile (come il logo non-profit qui sotto).

brand fonts

 

I font serif che funzionano bene per le imprese tradizionali includono:

  • EB Garamond
  • Display Playfair
  • Baskerville
  • Wire One

Per rivedere, ecco alcune opzioni di abbinamento di font per diverse personalità del brand:

  • Abbinate un’intestazione in grassetto serif con una sottointestazione sans-serif indefinita per una sensazione accessibile ma affidabile
  • Utilizzate un unico font sans-serif minimale per un look moderno, professionale e aziendale
  • Usate font sottili, stilizzati, sans-serif per una sensazione elegante e di alto livello
  • Usate font sans-serif spessi e arrotondati per una sensazione giovanile e amichevole
  • Usate un unico carattere serif tradizionale per una sensazione conservativa e affidabile

5. Assicuratevi che i font del vostro marchio soddisfino 3 requisiti di base

Dopo aver scelto uno o due font che si allineano con la personalità del vostro marchio, ci sono alcuni controlli finali che dovreste fare prima di proporli al vostro cliente o manager.

I font del marchio devono essere flessibili

Considerando che probabilmente sarete bloccati con questi font per gli anni a venire, avrete bisogno di assicurarvi che i font del vostro marchio funzionino bene per ogni mezzo (compresi stampa, web e mobile).

Assicuratevi di avere le licenze appropriate per ogni applicazione, e se avete intenzione di usare i font del vostro marchio sul design del packaging del prodotto, sul vostro blog, nelle presentazioni esterne e nelle immagini statiche dei social media, assicuratevi di fare un mock up del design per ognuno.

brand fonts

 

I font del brand dovrebbero avere più pesi di carattere

I pesi multipli dei caratteri (cioè chiaro, regolare, semibold e grassetto) sono fondamentali per costruire una chiara gerarchia del testo, che dovrebbe essere specificata nella vostra guida di stile del marchio, come quella qui sotto.

Avrete bisogno di usare i diversi pesi dei caratteri per differenziare tra intestazioni, sottointestazioni, corpo del testo, richiami e citazioni sia nella stampa che nei media online.

brand fonts

 

I caratteri del marchio devono essere leggibili

Infine, i font del marchio devono essere leggibili. Dovrebbe essere facile leggere e capire qualsiasi testo stilizzato nei font del vostro marchio… maiuscole o minuscole, grandi o piccole, numeri o lettere.

Il font del marchio che usate per le intestazioni non deve essere leggibile come il font che usate per il corpo del testo, ma comunque dovrebbe essere facile da leggere a colpo d’occhio.

Conclusione

Molto simile a qualsiasi altra sfida di brand design, la scelta dei colori del marchio è tutta una questione di trovare i font che corrispondono alla personalità del vostro marchio (e assicurarsi che funzionino per qualsiasi cosa che gli lanci).

Altre risorse di brand design da Venngage:

Tutto quello che dovete sapere sulla scelta e l’uso dei colori del marchio

Come creare una guida allo stile del marchio

10 facili consigli di design del logo per portare il vostro marchio al livello successivo

Come usare “My Brand Kit” per “brandizzare” i vostri disegni e risparmiare tempo