Come creare una guida allo stile del marchio (con lezioni dalle migliori aziende tecnologiche)

By Midori Nediger, Mar 16, 2022

brand style guide
Quando si tratta di branding, la coerenza è tutto.

Ma come assicurate la coerenza del marchio quando avete diversi dipartimenti, partner o agenzie che producono il vostro materiale di marca? Come potete comunicare rapidamente i requisiti del vostro marchio mentre fate crescere la vostra piccola impresa?

Con una guida di stile del marchio, naturalmente! In questo post, vedremo come creare una guida di stile che delinei chiaramente le linee guida del vostro marchio e che assicuri professionalità e coerenza in tutta la vostra messaggistica.

Mostreremo anche i nostri modelli facili da modificare e l’editor online che vi aiuterà a creare la vostra guida di stile del marchio oggi stesso.

Cliccate per saltare avanti:

Ottenete uno sguardo dall’interno su come creare una strategia di brand coesiva e fattibile. Scaricate una copia GRATUITA di questo eBook che abbiamo creato con HubSpot, il famoso software CRM.

  • Imparare a evitare gli errori più comuni
  • Definite la storia del vostro marchio
  • Stabilite delle regole per l’utilizzo delle risorse del vostro marchio
  • E molto di più!

Venngage Style Guide Header Image

 

Cos’è una guida di stile del marchio?

Una guida di stile del marchio è un libro di regole che contiene specifiche su tutto ciò che gioca un ruolo nel look and feel del vostro marchio, dalla tipografia e il colore ai loghi e le immagini. Permette a tutti di sapere esattamente come presentare il vostro marchio al mondo. Guida il design di tutti i vostri contenuti, dai post del blog alle presentazioni, dagli spazi dell’ufficio ai biglietti da visita.

Una tonnellata delle migliori aziende tecnologiche del mondo hanno fatto un rebranding negli ultimi anni, e hanno dedicato del tempo e degli sforzi seri nello sviluppo di guide di stile del marchio complete.

Fortunatamente per noi, molte di queste guide di stile del marchio sono state rilasciate pubblicamente, quindi perché non capitalizzare tutto il loro duro lavoro?

Ecco cosa si può imparare dalle guide di stile dei miei marchi preferiti (con alcuni pratici modelli di guida di stile del marchio spruzzati dentro) in questa infografica del branding: 

brand style guide infographic

 

Prima di immergermi in questa guida, avete sentito parlare della funzione Brand Kit di Venngage? Vi aiuta ad aggiungere i loghi, i font e i colori del vostro marchio ai vostri progetti in una frazione del tempo che ci vorrebbe normalmente.

My Brand Kit

 

1. Date il via alla vostra guida di stile del marchio con una grande storia del marchio

Ogni grande marchio è guidato da una storia convincente.

Se non avete familiarità con il termine, una storia del marchio definisce e descrive le cose a cui un’azienda tiene di più. È usato per comunicare i valori di un’azienda al pubblico e può anche aiutare a guidare i principali processi decisionali all’interno di un’organizzazione.

Le storie del marchio possono essere piuttosto diverse in diverse aziende, ma c’è un filo conduttore che le lega tutte insieme:

Le storie del marchio avvolgono la visione, la missione e i valori fondamentali di un’azienda in un bel pacchetto.

Molte aziende traggono ispirazione dagli archetipi del marchio, e le migliori storie del marchio aggiungono un pizzico della loro personalità.

Atlassian, una società di software molto rispettata, ha fatto la storia del suo marchio tutto sulla personalità. Hanno chiarito che sanno esattamente chi sono e cosa vogliono essere, descrivendosi come “audaci”, “ottimisti” e “pratici con un occhiolino”.

brand style guide

Questa posizione spensierata li ha aiutati a stabilire la loro voce dopo una recente e drammatica revisione del marchio, e io, per esempio, sono un grande fan.

Trello (acquisito da Atlassian circa un anno fa) racconta una storia di marca simile in 10 principi, ognuno accompagnato da una divertente illustrazione personalizzata.

brand style guide

La storia del marchio Skype è una delle mie preferite. Hanno davvero catturato un tono giocoso e con i piedi per terra che suona vero con il loro marchio:

brand style guide

Non c’è niente di sbagliato in un approccio più tradizionale. Nella guida di stile del marchio di Facebook, la missione dell’azienda è semplicemente enunciata, chiaro e semplice:

brand style guide

In ogni caso, la storia del marchio dovrebbe sempre venire prima in una guida di stile del marchio. Stabilisce il palcoscenico per l’esperienza del marchio e dovrebbe informare il resto della guida di stile.

Create una storia del marchio che comunichi al mondo ciò che il vostro marchio rappresenta.

Date un’occhiata a questa lista di dichiarazioni di missione nonprofit creata dai nostri amici di Elevation per avere più ispirazione!

Pssst…volete imparare a costruire la vostra Brand Style Guide da zero? Guardate questo ebook GRATUITO che abbiamo creato con i nostri amici di HubSpot. È pieno di consigli, esempi e modelli:

Venngage Style Guide Header Image

 

2. Utilizzare le linee guida del logo per creare una firma riconoscibile del marchio

Storia del marchio a parte, il vostro logo è la parte più importante del vostro marchio. È l’unica cosa che tutti dovrebbero riconoscere immediatamente come appartenente a voi, e solo a voi.

Per rendere un logo immediatamente riconoscibile, deve essere usato in modo coerente!

Ditemi, avete mai visto il logo di Facebook in un colore diverso dal “blu di Facebook”?

brand style guide

Non l’ho fatto, e questo non succede per caso.

Tutte le guide di stile dei migliori marchi delineano delle regole su come usare esattamente i loro loghi, per assicurarsi che nessuno mandi il messaggio sbagliato con il loro marchio.

Questo include specifiche su quanto spazio lasciare intorno ai loro loghi, proprio come Snapchat, Medium, Facebook e Spotify hanno fatto nelle loro guide di stile del marchio:

brand style guide

Hanno chiaramente segnato delle “zone di esclusione” intorno ai loro loghi. Di solito circa la metà della larghezza del logo stesso, queste zone libere da immagini danno ai loghi spazio per respirare e assicurare che mantengano l’impatto visivo.  

Una grande guida di stile del marchio include anche ogni variazione di colore accettabile per un logo, rendendo difficile sbagliare:

brand style guide

Medium ha fatto di meglio, rimuovendo ogni ambiguità sul colore del logo specificando l’uso del colore primario, secondario e non corretto del logo.

brand style guide

Di solito è una buona idea dettare anche qui la dimensione minima del logo. Trovate la dimensione più piccola alla quale il vostro logo è ancora leggibile in stampa e sullo schermo, e assicuratevi che non appaia più piccolo di così.

brand style guide

Non fa male nemmeno dare qualche esempio concreto. Rendetelo a prova di manichino includendo cosa non fare:

brand style guide

Seguite l’esempio di marchi come Spotify, Medium, Facebook e Snapchat e create linee guida chiare per assicurarvi che il vostro logo sia rappresentato nella luce migliore.

brand style guide

 

3. Includete la tavolozza dei colori principali del vostro marchio nella vostra guida di stile del marchio

In passato, i colori del marchio erano semplici. Potevate scegliere uno o due colori che si abbinavano al vostro logo ed eravate a posto.

Ma tutto questo sta cominciando a cambiare.

Molte aziende stanno ora usando schemi di colori multipli per aggiungere vitalità alle loro comunicazioni di marca.

Per mantenere intatto il riconoscimento del marchio, è più importante che mai rendere i colori principali del marchio ben noti e coerenti.

Nella vostra guida di stile del marchio, definite chiaramente la palette di colori del vostro marchio. Sia che voi, come Twitter e Snapchat, abbiate un colore primario del marchio e alcune tonalità secondarie:

brand style guide

Oppure, come Netflix, avete specifiche combinazioni di colori a cui volete che i vostri designer si attengano:

brand style guide

È una buona idea rendere i colori principali del vostro marchio assolutamente chiari. Non dimenticate di includere i codici esadecimali necessari, i valori RGB e i codici colore CMYK per assicurarvi che i vostri colori siano presentati in modo coerente attraverso i media.

brand style guide

 

I marchi come Trello che si affidano maggiormente al colore per esprimere le funzioni e i componenti del loro prodotto tendono a sviluppare sistemi di colore più completi. Spiegare ogni sfumatura di ogni colore nella loro tavolozza significa non dover più armeggiare con i selezionatori di colori!

brand style guide

Atlassian ha fatto il passo più lungo della gamba per trovare delle combinazioni di colori che superino gli standard di accessibilità del web, e ha dato alcuni esempi pratici di contrasto di colori buoni e cattivi:

brand style guide

In cima alle tendenze di design grafico dei social media del momento, Spotify ha persino incluso esempi realistici di dove non usare il loro distinto “verde Spotify”:

brand style guide

In qualsiasi modo la si metta, più esempi ci sono, meglio è quando si parla di colore nella vostra guida di stile del marchio. Sicuramente includete i colori principali del vostro marchio con i codici esadecimali e i valori RGB, ma considerate anche l’aggiunta di utili variazioni di tonalità e alcuni esempi di tendenza di ciò che si fa e ciò che non si fa.

brand style guide

 

Il Brand Kit di Venngage vi permette di salvare i colori del vostro marchio per un facile accesso in seguito.

brand kit

Una volta che avete selezionato i colori del vostro marchio, appariranno sempre subito nello strumento di selezione dei colori:

brand colors

Scopri di più sul vostro Brand Kit qui.

4. Scegliere la tipografia che corrisponde al vostro stile visivo

La tipografia è una di quelle cose che passa inosservata se è fatta bene, ma spicca come un pollice dolente se non lo è. Permettere che la scelta dei caratteri scivoli sotto il vostro radar può davvero sminuire il vostro marchio.

Per migliorare l’esperienza del vostro marchio, usate una guida di stile del marchio per assicurarvi di applicare la tipografia in modo coerente in tutto il vostro materiale.

Questo significa delineare quali font sono usati per quali scopi (in stampa e sul web).

Twitter e Snapchat hanno entrambi mantenuto la semplicità, scegliendo un solo carattere da usare praticamente per tutto:

brand style guide

Stranamente, Trello ha scelto lo stesso carattere di Twitter, ma fa qualche passo avanti specificando una gerarchia di stili e dimensioni dei caratteri, colori del testo e stili per liste e paragrafi:

brand style guide

A seconda del vostro prodotto o business, a volte è necessario specificare diversi font per diverse piattaforme. iHeartMedia non ha lasciato nulla al caso includendo opzioni per Android, wearables, prodotti Microsoft e persino auto:

brand style guide

Alcune aziende progettano persino i propri font! Se lo fate, è una buona idea includere opzioni di fallback per l’uso esterno:

brand style guide

Sopraffatti?

Non preoccupatevi. Una semplice guida di stile del marchio non ha bisogno di essere così estesa, basta concentrarsi sui font più usati, di solito solo uno o due. Specificate la vostra gerarchia di font e design per quanto riguarda le dimensioni dei font (grandi per le intestazioni, medie per i sottotitoli e i paragrafi più piccoli e lunghi) e il peso dei font (leggero, grassetto, pesante, ecc.):

brand style guide

 

Avete bisogno di imparare a scegliere i font? Date un’occhiata al nostro articolo su come scegliere i font infografici: valgono le stesse regole!

5. Trovate la voce del vostro marchio

L’importanza di avere una voce coerente del marchio nella vostra messaggistica non dovrebbe essere sottovalutata.

Dedicate un po’ di tempo a trovare lo stile che risuona con il vostro pubblico e si allinea con la personalità del vostro marchio.

Una volta che l’avete capito, assicuratevi che sia replicato in tutti i vostri canali, scrivendolo nella vostra guida di stile del marchio!

Shopify è andato oltre nel definire la loro voce, includendo una tonnellata di cose da fare e da non fare per la grammatica, la punteggiatura, l’ortografia, il vocabolario, i nomi e il tono. Dando tonnellate di esempi, rendono impossibile sbagliare con la messaggistica.

brand style guide

Dall’altra parte dello spettro, Atlassian ha mantenuto la parola breve e dolce, delineando semplicemente il loro stile di scrittura in un paio di brevi frasi. A volte è tutto ciò di cui avete bisogno!

brand style guide

Ancora una volta, Skype ha fatto centro con un riassunto semplice ma efficace, contrapponendo le parole che gli piacciono a quelle che non gli piacciono.

brand style guide

Se potessi suggerire una cosa per la vostra guida di stile del marchio, sarebbe quella di includere un esempio di scrittura (o due) che simuli la voce del marchio della vostra azienda. Impariamo meglio con l’esempio, giusto?

 

Avete bisogno di aiuto per creare le linee guida del vostro marchio? Guardate questo ebook GRATUITO che abbiamo creato con i nostri amici di HubSpot. È pieno di consigli, esempi e modelli:

Venngage Style Guide Header Image

6. Includete le linee guida per l’immagine e la visualizzazione dei dati nella vostra guida di stile del marchio

Ultimo, ma certamente non meno importante, è il momento di parlare di immagini. Tutto ciò che riguarda le vostre immagini, compreso lo stile, il colore e il contenuto, contribuisce alla percezione del vostro marchio.

Create delle linee guida per le immagini (foto, illustrazioni, grafici, infografiche, ecc.) da includere nella vostra guida di stile del marchio.

Come potrebbero essere queste linee guida?

Bene, Trello ama presentare illustrazioni personalizzate, ma sa che può essere difficile per diversi artisti produrre illustrazioni con uno stile coesivo. Non lasciano nulla al caso delineando ciò che significa fare un’illustrazione “alla Trello”, con linee guida su concetto, composizione, ombre e altro.

Soprattutto, danno degli esempi!

brand style guide

Sulla stessa linea, Shopify va fino in fondo, specificando quando e dove usare le illustrazioni, i principi con cui criticare le illustrazioni, e le scelte stilistiche (come il colore dello sfondo, il livello di dettaglio, la scala e le modalità di fusione) che rendono un’illustrazione “on-brand”.

brand style guide

Principi di illustrazione dalla guida allo stile del marchio di Shopify.

Atlassian ha un approccio più minimalista, avvolgendo il loro stile di illustrazione con parole come “praticità”, “ottimismo” e “cordialità”.

brand style guide

Lo stile fotografico è importante quanto lo stile illustrativo. Se usate spesso fotografie nel vostro branding, la vostra guida di stile dovrebbe specificare il livello di complessità, le composizioni, gli schemi di colore, gli stili e le specifiche tecniche che rendono le fotografie adatte al vostro marchio.  

Le linee guida del marchio Berkeley descrivono il loro stile fotografico come leggero, arioso e naturale, con solo immagini che rientrano in una delle tre categorie: attualità, cultura o storia.

brand style guide

Forniscono anche una direzione più concreta ai loro fotografi:

“Usiamo la luce naturale ogni volta che è possibile. La luce è anche usata come elemento attivo nella nostra fotografia, a volte fino al punto di una leggera sovraesposizione. Per evitare angoli innaturali, non ruotate mai la macchina fotografica ad un angolo diverso da 90 gradi”.

Sia che lavoriate con foto o illustrazioni, fornire molti esempi e descrizioni approfondite è la strada da seguire! Ecco un esempio di un’infografica di branding che mostra questo:

brand style guide

 

Se il vostro branding presenta infografiche o visualizzazioni di dati (che sicuramente dovrebbero), non dimenticate di includere alcune linee guida stilistiche anche per loro.

Specificare quando e dove usare infografiche e visualizzazioni di dati, e includere preferenze di stile e convenzioni tecniche.

Shopify dà ai suoi designer indicazioni chiare su come approcciare una visualizzazione di dati:

brand style guide

Seguito da alcune regole definitive per l’etichettatura e lo stile di queste visualizzazioni:

brand style guide

Linee guida come queste sono facili da trascurare, ma se usate correttamente vanno molto avanti verso la promozione di una presenza coesa del marchio – specialmente per i media più complessi come le infografiche e le visualizzazioni di dati.

Conclusione

Non inviate messaggi contrastanti quando si tratta del vostro marchio.

Prendete ispirazione dai migliori marchi di oggi e create la vostra guida di stile per permettere a chiunque rappresenti il vostro marchio di produrre collaterale in modo rapido, efficiente e sicuro. Creane una con questi 6 semplici passi:

  1. Dare il via alla vostra guida di stile del marchio con una grande storia del marchio
  2. Utilizzare le linee guida del logo per creare una firma riconoscibile del marchio
  3. Includere la tavolozza dei colori principali del vostro marchio
  4. Dettare la vostra gerarchia tipografica
  5. Definire la voce del vostro marchio
  6. Specificare le immagini e l’iconografia che compongono il vostro stile visivo

Oppure lavorate con uno dei nostri modelli pre-progettati – basta inserire il vostro marchio e siete pronti per le gare!

brand style guide

 

Se scoprite che qualcosa del vostro marchio non funziona, correggetelo! Una guida di stile del marchio dovrebbe essere un documento in continua evoluzione, ecco perché abbiamo reso la modifica e la condivisione un gioco da ragazzi.

 

GUARDA: Tutto quello che dovete sapere sul marchio in meno di 3 minuti!