We use essential cookies to make Venngage work. By clicking “Accept All Cookies”, you agree to the storing of cookies on your device to enhance site navigation, analyze site usage, and assist in our marketing efforts.

Manage Cookies

Cookies and similar technologies collect certain information about how you’re using our website. Some of them are essential, and without them you wouldn’t be able to use Venngage. But others are optional, and you get to choose whether we use them or not.

Strictly Necessary Cookies

Always Active

These cookies are always on, as they’re essential for making Venngage work, and making it safe. Without these cookies, services you’ve asked for can’t be provided.

Show cookie providers

  • Venngage
  • Amazon
  • Google Login
  • Intercom

Functionality Cookies

These cookies help us provide enhanced functionality and personalisation, and remember your settings. They may be set by us or by third party providers.

Show cookie providers

  • Venngage
  • Chameleon
  • Intercom
  • Algolia

Performance Cookies

These cookies help us analyze how many people are using Venngage, where they come from and how they're using it. If you opt out of these cookies, we can’t get feedback to make Venngage better for you and all our users.

Show cookie providers

  • Venngage
  • Mixpanel
  • Intercom
  • Google Analytics
  • Hotjar

Targeting Cookies

These cookies are set by our advertising partners to track your activity and show you relevant Venngage ads on other sites as you browse the internet.

Show cookie providers

  • Google Ads
  • Google Tag Manager
  • Facebook
  • Pinterest
  • Prodotto
  • Soluzioni
  • Modelli
  • Impara
  • Prezzi

La pandemia del Coronavirus e la crisi dei rifugiati [Infografica]

By Alice Corner, Aug 20, 2021

refugee infographic blog header

Uno dei gruppi di persone che sono maggiormente colpite dalla pandemia del Coronavirus è la popolazione mondiale di rifugiati e sfollati. 

Ci sono circa 25 milioni di rifugiati nel mondo, che affrontano lotte uniche nell’accesso all’assistenza sanitaria, all’assistenza governativa e ai servizi igienici.

Abbiamo analizzato i dati per aiutare a dipingere un quadro più completo dell’impatto di COVID-19 sulla crisi dei rifugiati.

the coronavirus impact on the refugee crisis infographic

Salta avanti:

La portata della crisi dei rifugiati 

Pandemic_s_Impact_On_The_Refugee_Crisis

Si stima che ci siano circa 70,8 milioni di sfollati nel mondo. 25 milioni di persone sono rifugiati. 

37.000 persone al giorno sono costrette a fuggire dalle loro case a causa di conflitti e persecuzioni. Per il contesto, Oprah Winfrey ha intervistato circa 37.000 persone nel suo talk show dal 1986 al 2011. 

Il 57% dei rifugiati del mondo proviene da soli tre paesi: Siria, Afghanistan e Sud Sudan.

La quantità di persone sfollate in tutto il mondo è più che raddoppiata negli ultimi 20 anni, e la tendenza è destinata a continuare. 

Chi sono i rifugiati?

Pandemic_Impact-_Who_Are_Refugees

I rifugiati sono persone che sono state costrette a lasciare il loro paese e ad attraversare i confini nazionali in cerca di sicurezza. I rifugiati spesso lasciano le loro case per sfuggire a guerre, carestie o persecuzioni. 

L’80% di tutti i rifugiati vive in paesi vicini al loro paese d’origine. Due terzi di tutti i rifugiati provengono da cinque paesi: Siria, Afghanistan, Sud Sudan, Myanmar e Somalia.

Poiché l’80% dei rifugiati si stabilisce nei paesi vicini, un numero sproporzionato di rifugiati vive in paesi a basso e medio reddito. 6,7 milioni di rifugiati, un terzo di tutti i rifugiati, vivono nei paesi più poveri del mondo. 

I bambini dei rifugiati hanno più di 5 volte meno probabilità di essere a scuola rispetto ai loro coetanei; e dei 2,7 milioni di rifugiati nel Sud Sudan attualmente, l’80% sono donne e bambini.  

Mentre il mondo si è fermato per aiutare a prevenire la diffusione del COVID-19, i rifugiati non hanno avuto lo stesso lusso. 

Alla fine di maggio 2020, 400 persone hanno provato a fuggire dalla Libia in barca, e ci sono almeno 75.000 persone fuori dagli Stati Uniti in attesa dei loro processi di immigrazione – che sono stati messi in attesa a tempo indeterminato a causa della pandemia del Coronavirus.

Pandemic_Refugee_Crisis_Timeline

Quali sfide affrontano i rifugiati di COVID-19? 

I rifugiati affrontano sfide uniche in una pandemia che molti di noi non hanno nemmeno considerato. Oltre a stabilirsi in paesi con scarse infrastrutture sanitarie per necessità, i rifugiati possono avere barriere linguistiche per accedere all’assistenza sanitaria. 


Issues_Refugees_Are_Facing_During_A_Pandemic_Infographic

Molti rifugiati saranno anche separati dalle loro famiglie e dalle reti di supporto. Nel Sud Sudan ci sono 50.000 bambini rifugiati soli senza tutori che possano difendere la loro sicurezza o il loro benessere. 

In molti paesi, i rifugiati e i richiedenti asilo non hanno diritto a fondi pubblici, o non sono legalmente in grado di lavorare. Nel Regno Unito, i rifugiati hanno diritto solo a 5 sterline al giorno (6,28 dollari USA) dal governo britannico. Se i rifugiati lavorano e hanno perso il loro lavoro a causa del Coronavirus, potrebbero non essere in grado di accedere a nessun aiuto governativo. 

Al di fuori delle persone già insediate, molti rifugiati hanno avuto le loro domande di immigrazione messe in attesa a tempo indeterminato. Finora 167 paesi hanno chiuso completamente o parzialmente le loro frontiere per contenere la diffusione del virus. Almeno 57 stati non stanno facendo eccezioni per le persone in cerca di asilo.

2,6 milioni di rifugiati vivono in “campi” – insediamenti di fortuna con accesso precario all’acqua corrente, all’assistenza sanitaria, a servizi igienici adeguati e talvolta anche a internet. I campi profughi sono spesso sovraffollati e devono affrontare l’ostilità della gente del posto e delle forze dell’ordine. È impossibile praticare un adeguato distacco sociale in ambienti sovraffollati.

WHO advice to prevent spread of Coronavirus

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) delinea una guida chiara per aiutare a prevenire la diffusione del Coronavirus:

  • Lavarsi regolarmente le mani con sapone e acqua pulita
  • Evitare i luoghi affollati e praticare il distacco sociale
  • Resta a casa e isolati se hai dei sintomi

Restare a casa e isolarsi è difficile quando non si ha una casa sicura.

Il Coronavirus è stato identificato come presente nei campi profughi in Bangladesh e si sospetta che si stia diffondendo in Sudan. Ma è improbabile che conosceremo la piena portata dell’impatto del COVID sui rifugiati per qualche tempo.

A causa dei regolamenti dell’UE, i rifugiati devono fare domanda di asilo nel primo paese in cui sbarcano – una regola comunemente indicata come “primo paese“. Ma i rifugiati spesso devono viaggiare attraverso diversi confini prima di raggiungere un paese che sia disposto ad accoglierli. Questo significa che i rifugiati viaggiano sotto il radar, possono non essere considerati nei numeri ufficiali del governo e possono rimandare la ricerca di assistenza medica per evitare di allertare le autorità sulla loro presenza.

Negli Stati Uniti si parla di migranti senza documenti, un gruppo di persone che non possono accedere all’assistenza sanitaria o governativa senza rischiare la deportazione. Accedere all’assistenza sanitaria o al supporto governativo se si ammalano o perdono il lavoro può essere un rischio.

E per i detenuti nei centri di detenzione (spesso sovraffollati) in tutti gli Stati Uniti, anche il Coronavirus è una seria preoccupazione. In una struttura all’inizio di maggio 98 detenuti sono stati trovati infettati dal COVID-19. 

Pandemic_Refugee_Crisis_Statistical_Infographic

Come posso aiutare nella crisi dei rifugiati?

Anche se non conosciamo ancora del tutto l’impatto che il Coronavirus sta avendo sulla popolazione mondiale di rifugiati, non è mai troppo presto per agire. Ci sono modi in cui tutti noi possiamo sostenere i rifugiati.

Donare

Ogni dollaro aiuta. Donare agli enti di beneficenza che forniscono alloggi, servizi e beni ai rifugiati è un ottimo modo per ricambiare. Se non si tratta di denaro, si possono donare oggetti come vestiti e cibo. Alcune organizzazioni suggerite:

Firma una petizione

Se non potete donare, ci sono molti altri modi per aiutare. Firmare una petizione per spingere i paesi ad accettare più rifugiati aiuta ad aumentare la consapevolezza. Non ci vuole molto tempo o energia, ma può essere il catalizzatore per creare un cambiamento. 

Volontario

Il volontariato a livello locale o intenzionale vi porta in prima linea nel cambiamento. Potete condividere il vostro tempo e la vostra esperienza con le organizzazioni per aiutare con le competenze professionali, l’accesso alla salute o le esperienze culturali. 

Eventi di raccolta fondi

Può richiedere uno sforzo, ma il ritorno sarà sempre grande. Può essere una raccolta di fondi online sui social media, una maratona o una vendita in cortile – potete essere creativi. Non sottovalutate il potere dei vostri sforzi, qualsiasi somma che raccoglierete sarà di aiuto. 

Ospitare i rifugiati a casa vostra 

Se siete un proprietario di casa potete offrire a una famiglia di rifugiati di vivere gratuitamente in affitto finché non si adattano o offrire una stanza in casa vostra. Open Homes di airbnb permette agli host volontari di offrire le loro case gratuitamente. Potete dare un’occhiata alla serie di storie dell’UNHCR che mettono in luce le persone che ospitano i rifugiati in Europa per trarre ispirazione. 

light dotted line

La visualizzazione dei dati è un potente strumento di comunicazione. Le parole non sempre dipingono l’immagine più chiara. I dati grezzi non sempre raccontano la storia più convincente.

Imparate come creare visualizzazioni di dati e infografiche potenti e persuasive con le nostre risorse: