Come identificare gli stili di apprendimento dei pazienti: Insegnare ai pazienti in modo più efficace con le infografiche

By Jennifer Abayowa, Nov 10, 2021

Patient Teaching
Gli esseri umani sono collegati in modo unico. Come dice il proverbio, “colpi diversi per persone diverse”, anche nell’insegnamento ai pazienti.

Adattarsi agli stili di apprendimento dei pazienti li fa sentire ascoltati. E mostrare empatia è importante in un rapporto medico-paziente.

Fino alla metà del 20° secolo, i medici dominavano il processo decisionale. Ma da allora, la relazione tra medici e pazienti è passata a qualcosa di più simile a una partnership. I pazienti sono ora considerati partecipanti attivi nella loro salute.

Le infografiche di facile comprensione che corrispondono agli stili di apprendimento dei pazienti sono fondamentali per educare i pazienti e aiutarli ad afferrare immediatamente le informazioni.

Se state cercando del materiale educativo, potete iniziare abbinando gli stili di apprendimento dei pazienti alle infografiche con Venngage for Healthcare.

 

Ma prima, è necessario capire gli stili di apprendimento dei pazienti.

In questo articolo, ci immergiamo in profondità nei tipi di stili di apprendimento, nei benefici dell’insegnamento paziente e nelle varie modalità di insegnamento che corrispondono agli stili di apprendimento.

Clicca per saltare avanti:

 

Perché gli stili di apprendimento dei pazienti sono così importanti?

L’apprendimento non è un approccio unico per tutti.

La ricerca ha continuato a fornire prove che gli insegnamenti specifici per il paziente sono migliori di quelli generalizzati.

Una spiegazione popolare del perché gli stili di apprendimento dei pazienti sono importanti è l’ipotesi dell’intreccio.

Secondo l’ipotesi del meshing, il miglior apprendimento avviene quando il formato dell’insegnamento corrisponde alle preferenze dell’allievo.

Ci sono vari modelli di stile di apprendimento, tra cui Kolb, Gregorc, Felder-Silverman, VARK, e Dunn e Dunn. Di seguito, evidenziamo il modello VARK.

Nel 1992, uno studio di Neil D. Fleming e Coleen E. Mills ha portato alla divulgazione del “modello VARK“, che descrive quattro stili di apprendimento principali.
Patient Teaching

 

Ritorna al Sommario

 

4 principali stili di apprendimento del paziente (secondo il modello VARK)

1. Visual

I pazienti che imparano visivamente preferiscono figure, immagini e strumenti simbolici come grafici, diagrammi di flusso, gerarchie e modelli. Hanno generalmente un buon senso dell’equilibrio e dell’allineamento, dell’organizzazione e dell’orientamento dei colori. I pazienti visivi traggono grande beneficio dalle infografiche sulla salute.

Per esempio, questa linea temporale delle vaccinazioni raccomandate fa appello agli studenti visivi a causa dell’uso di una tavolozza di colori vivaci, titoli in grassetto e caratteri moderni che fanno sì che l’infografica salti fuori dalla pagina.
Patient Teaching

 

2. Aurale/Auditivo

I pazienti che sono uditivi preferiscono imparare ascoltando. Gli studenti uditivi beneficiano di audiocassette, podcast, video di YouTube o videocassette.

3. Lettura/Scrittura

I pazienti che imparano attraverso la lettura o la scrittura amano la parola stampata. Preferiscono risorse come libri di testo, pubblicazioni su riviste, note del medico, articoli online, blog e altri testi scritti.

Questa infografica qui sotto si rivolge ai pazienti che amano la parola stampata. Si possono vedere passi ben definiti e ogni passo contiene un sottotitolo con una descrizione completa delle azioni da compiere.
Patient Teaching

 

4. Cinestetico

I pazienti che sono apprendisti cinestesici ricevono la loro educazione dall’esperienza.

Gli autori William A. Drago e Richard J. Wagner descrivono gli studenti cinestesici come persone che “hanno molta energia e preferiscono applicare il tatto, il movimento e l’interazione al loro ambiente”.

E gli studenti multimodali?

Gli individui in genere non si attengono a un solo stile di apprendimento.

Proprio come nella maggior parte delle cose nella vita, le persone possono mostrare tratti “multimodali”. L’apprendimento multimodale comporta l’uso di una combinazione di sensi durante l’apprendimento.

I pazienti che non hanno una forte preferenza verso un particolare stile di apprendimento possono rientrare in questa categoria.

Alcuni studenti multimodali sono flessibili: sono a loro agio con più stili di apprendimento e possono passare da una modalità di apprendimento all’altra per adattarsi alla situazione che stanno affrontando.

Altri non lo sono altrettanto: hanno bisogno di input o output da tutti i loro stili di apprendimento preferiti prima di poter prendere una decisione o capire tutto.

Ritorna al Sommario

 

Cosa significa l’insegnamento al paziente?

Definiremo l’insegnamento al paziente tornando alla parola latina radice per medico, “docere”.

In latino, docere significa “insegnare”. Al centro dell’essere un medico o un fornitore di salute è la capacità di insegnare ai tuoi pazienti in modo che possano avere i migliori risultati di salute.

L’educazione è un processo interattivo in cui avviene l’apprendimento. L’insegnamento ai pazienti è un tipo specifico di educazione in cui i professionisti della salute aiutano i pazienti e i loro assistenti a imparare come migliorare la loro salute ed essere coinvolti nelle loro cure e trattamenti in corso.

L’infografica qui sotto è un grande esempio di insegnamento al paziente. La maggior parte dei pazienti non conosce i principali segni e sintomi delle condizioni mediche così su due piedi. Le immagini e i disegni illustrano rapidamente le parole e i pazienti possono capirlo facilmente.
Patient Teaching

 

Ritorna al Sommario

 

Perché è importante l’insegnamento al paziente?

Ci sono tonnellate di ricerche di decenni che ritraggono l’importanza dell’insegnamento al paziente.

Esaminiamo alcune ragioni per cui l’insegnamento ai pazienti è importante.

1. L’insegnamento al paziente diminuisce l’ansia

È provato che l’incertezza provoca ansia e gli avvertimenti precoci diminuiscono l’ansia. Se si sa che un evento è in arrivo sul proprio calendario, si può pianificare in anticipo. Tuttavia, se non si può prevedere che un evento avrà un esito positivo, si può diventare ansiosi.

Secondo gli esperti di neuroscienze Dan W. Grupe e Jack B. Nitschke,

La capacità di usare le esperienze passate e le informazioni sul nostro stato attuale e sull’ambiente per prevedere il futuro ci permette di aumentare le probabilità di risultati desiderati, evitando o preparandoci a future avversità. Questa capacità è direttamente collegata al nostro livello di certezza riguardo agli eventi futuri – quanto sono probabili, quando accadranno e come saranno. L’incertezza diminuisce l’efficienza e l’efficacia con cui possiamo prepararci per il futuro, e quindi contribuisce all’ansia.

L’insegnamento ai pazienti allevia l’ansia. I medici possono aiutare i pazienti a capire i segnali di avvertimento e le complicazioni, il che significa che i pazienti sapranno esattamente a cosa fare attenzione.

Per esempio, in questa infografica “Early Warning Signs of Mental Health Illness”, le immagini accattivanti illustrano rapidamente i segni di cui i pazienti dovrebbero parlare con il loro medico.
Patient Teaching

 

2. L’insegnamento ai pazienti aumenta l’aderenza e la conformità

Quando i medici dedicano del tempo all’insegnamento, i pazienti diventano più a loro agio nel seguire le istruzioni della terapia.

Un paziente che capisce il “perché” è più incline a seguire gli ordini del medico. Gli operatori sanitari dovrebbero concentrarsi sulla comunicazione dei “perché” attraverso varie tecniche di insegnamento al paziente.

Per esempio, questa infografica del paziente qui sotto dice chiaramente: “Se salti, cambi o ignori la tua medicina, può essere un male per la tua salute”. I medici possono usare questa infografica per insegnare ai pazienti i benefici dell’aderenza e della conformità.
Patient Teaching

Fonte

3. L’insegnamento al paziente aumenta la conoscenza

Uno scopo dell’insegnamento al paziente è quello di aumentare la comprensione delle condizioni mediche da parte dei pazienti. L’insegnamento al paziente migliora anche la comprensione dei comportamenti di promozione della salute.

Armati della giusta conoscenza, i pazienti possono migliorare i loro atteggiamenti verso la salute preventiva e usare i metodi e le procedure corrette quando si curano a casa.

Gli insegnamenti di salute a domicilio sono ottimi per educare i pazienti su come mantenere la loro salute a casa. Un esempio è questa infografica che insegna ai pazienti come prevenire la cattura e la diffusione del coronavirus.
Patient Teaching

 

4. L’insegnamento al paziente aumenta la soddisfazione

L’interazione medico-paziente è probabilmente il fattore più importante che influenza la soddisfazione del paziente.

Le abilità interpersonali – come i medici comunicano e interagiscono con i pazienti – sono utili durante l’insegnamento ai pazienti. I pazienti spesso vogliono operatori sanitari che siano empatici e capiscano i loro bisogni specifici.

L’infografica qui sotto aiuta i pazienti a confrontare tre diversi piani di assistenza medica. Si tratta di uno strumento di insegnamento empatico, poiché si capisce che le priorità sono diverse per ogni paziente.
Patient Teaching

 

5. L’insegnamento ai pazienti riduce i tassi di riammissione in ospedale

Circa un paziente su cinque dimesso dagli ospedali ha complicazioni entro 30 giorni. Questo si traduce in visite al pronto soccorso (ER) o riammissioni.

Una delle ragioni per la riospedalizzazione è la bassa alfabetizzazione sanitaria. Secondo Health.gov, “Le abilità di alfabetizzazione influenzano il modo in cui le persone trovano, comprendono e utilizzano le informazioni sul web. Gli utenti possono distrarsi facilmente, rinunciare rapidamente, e lottare con un testo denso e una navigazione complessa”.

Se i pazienti non capiscono la loro malattia o come mantenere il loro trattamento, non sapranno come prendersi cura di se stessi. Questo aumenta il rischio di riammissione in ospedale.

Secondo i Centers for Disease and Control (CDC), i pazienti con bassa alfabetizzazione sanitaria hanno più probabilità di visitare un pronto soccorso, di avere più ricoveri in ospedale, di non seguire i piani di trattamento e di avere tassi di mortalità più alti.
Patient Teaching

Fonte

Ritorna al Sommario

 

Strategie di insegnamento al paziente

Diverse fonti raccomandano di usare una combinazione di più strategie di insegnamento clinico e infermieristico per i pazienti.

Fornire materiali di educazione del paziente in varie modalità rafforza l’insegnamento.

I metodi di insegnamento al paziente prevedono l’uso dei seguenti strumenti:

  • Materiale scritto
  • Grafica (comprese le infografiche)
  • Poster o grafici
  • Audiocassette/Podcast
  • Video di YouTube
  • Videocassette o DVD
  • Presentazioni PowerPoint
  • Dimostrazione con modelli o oggetti di scena
  • Conferenze tradizionali o lezioni di gruppo
  • Insegnamento verbale
  • Discussioni

Questa infografica del Primo Trimestre qui sotto combina diverse strategie di insegnamento al paziente.

Potete vedere come la grafica è usata in combinazione con le parole. Inoltre, questa infografica può essere ingrandita e usata come poster o puntello durante una lezione tradizionale, in uno studio medico, o come argomento di insegnamento per infermieri.
Patient Teaching

 

In uno studio, l’insegnamento verbale e le discussioni erano le strategie di insegnamento meno efficaci. Gli autori raccomandano che l’insegnamento verbale dovrebbe essere usato in combinazione con altre strategie di insegnamento e non da solo.

Inoltre, la ricerca cognitiva mostra che il cervello umano elabora informazioni testuali/audio e visive in due canali separati. Gli autori di Seven practical principles for improving patient education: Evidence-based ideas from cognition science hanno scritto di una teoria chiamata Dual code.

La teoria del doppio codice suggerisce che gli esseri umani hanno “canali” cognitivi separati per le informazioni di testo/audio rispetto alle informazioni visive. Costruendo messaggi educativi che sfruttano entrambi i canali simultaneamente, l’assorbimento delle informazioni può essere migliorato”.

Per esempio, oltre all’insegnamento verbale e alla discussione sull’idoneità dei pazienti per la telemedicina, medici e infermieri possono fornire ai pazienti questa semplice infografica, sia stampata in modo che possano portarla a casa o disponibile su un sito web in modo che possano scaricarla e salvarla per riferimenti futuri.
Patient Teaching

 

Ritorna al Sommario

 

Linee guida per lo sviluppo di materiali di educazione del paziente

Per ottenere tutti i benefici dell’insegnamento al paziente, è necessario seguire linee guida collaudate quando si sviluppano strategie e materiali efficaci per l’educazione del paziente.

Ecco alcune linee guida su come insegnare ai pazienti suggerite dall’American Academy of Ambulatory Care Nursing (AACN):

  • Usa frequentemente le immagini per mostrare le caratteristiche anatomiche.

Quando descrivete un disturbo o un problema che riguarda una parte del corpo, i vostri pazienti avranno una migliore comprensione quando userete illustrazioni anatomiche nelle vostre descrizioni.

  • Usare un linguaggio semplice.

Scrivere in un linguaggio che i pazienti usano quotidianamente. Evitare il gergo scientifico. Inoltre, definite tutti i termini che possono essere difficili per i pazienti.

  • Creare materiale scritto a livello di terza e quinta elementare.

Più semplice è il vostro testo, più i vostri pazienti capiranno l’argomento. Evitate il gergo tecnico per evitare la confusione del paziente.

Correlato: Come semplificare il gergo tecnico per i materiali e le infografiche di educazione del paziente nel settore sanitario 

  • Le frasi dovrebbero essere brevi (10 parole o meno).

È facile perdere la cognizione di causa quando si leggono materiali stampati troppo lunghi. Mantenete le vostre frasi brevi e dolci in modo che i vostri pazienti possano seguirvi.
Patient Teaching

 

  • Mantenete i paragrafi tra le due e le tre frasi con un punto chiave per paragrafo.

Date subito ai pazienti l’idea principale.

  • Usare punti elenco con informazioni “da sapere”.

Riassumete il messaggio chiave per i pazienti in punti elenco.

  • Inserire il linguaggio visivo.

Usate frasi come “naso che cola” e “rossore”. I pazienti hanno bisogno di visualizzare ciò che state descrivendo nel linguaggio quotidiano.
Patient Teaching

 

  • Spiegare le misure.

Limitate l’uso di descrizioni di misure scientifiche. Per esempio, scrivete “dolore che dura più di 30 minuti”.

  • Essere consapevoli della lingua, dei costumi e dei valori.

Dovete descrivere consapevolmente il vostro contenuto in un modo culturalmente sensibile.

  • Usate ampi margini e lasciate spazio bianco tra le sezioni.

Questo rende il vostro contenuto facile da leggere.

Ci piace questa infografica qui sotto perché usa disegni di caratteristiche anatomiche e un linguaggio semplice per illustrare cosa fa il virus COVID-19 quando entra nel vostro corpo. Le illustrazioni possono aiutare i pazienti a immaginare cosa sta succedendo all’interno del loro corpo.
Patient Teaching

Fonte

Ritorna al Sommario

 

Come si fa a sapere che un paziente è pronto per imparare?

Prima di insegnare a un paziente, valutate se è pronto a imparare.

Il modello Health Literate Care è uno strumento importante che può aiutarvi a valutare la disponibilità del paziente. Questo modello invita tutti gli operatori sanitari a intraprendere le seguenti due azioni quando sviluppano strategie di educazione sanitaria:

  1. Avvicinarsi a tutti i pazienti con il presupposto che sono a rischio di non capire le loro condizioni di salute o come affrontarle.
  2. Confermare e assicurare la comprensione dei pazienti

Non dovreste iniziare a insegnare appena il vostro paziente entra nella stanza.

Per prima cosa, valutate l’alfabetizzazione sanitaria del vostro paziente usando gli strumenti di misurazione dell’Agenzia per la ricerca e la qualità dell’assistenza sanitaria (AHRQ).

Poi, chiedete al vostro paziente se è pronto ad imparare. Alcuni pazienti vogliono che si vada subito al sodo, ma altri possono avere distrattori nella loro vita che ostacolano l’apprendimento.

Dopo aver verificato la prontezza, scoprite qual è lo stile di apprendimento del vostro paziente. Poi, concordate con il vostro paziente degli obiettivi di apprendimento realistici.

Dopo questi controlli, il vostro paziente potrebbe essere pronto per imparare.

Ritorna al Sommario

 

Quali sono alcune barriere che influenzano la capacità di apprendimento di un paziente?

Alcuni fattori che possono ostacolare la capacità di apprendimento di un paziente includono:

  • Paura. Il vostro paziente potrebbe aver bisogno di superare la paura prima di essere aperto all’insegnamento.
  • Capacità di gestire le informazioni. Gli individui hanno limiti diversi quando si tratta di gestire informazioni sensibili. Date al vostro paziente solo la quantità di informazioni che può gestire alla volta.
  • Ricettivo all’insegnamento. Alcuni pazienti abbracciano l’apprendimento. Altri hanno bisogno di una spinta e di un incoraggiamento da parte dei loro medici.
  • Mancanza di tempo. A causa della rigida programmazione, i medici spesso non hanno abbastanza tempo per educare i pazienti.
  • Stato di salute. Regolate il vostro piano educativo in base al livello dello stato di salute del vostro paziente.
  • Mancanza di conoscenza e livello di abilità degli operatori sanitari. I clinici, gli infermieri e gli educatori sanitari devono continuare ad aggiornare la loro formazione sull’educazione del paziente.
  • Costi sanitari in aumento. Nel tentativo di risparmiare sui costi, i pazienti tendono a passare meno tempo in ospedale prima di procedure come la chirurgia. Pertanto, infermieri e medici hanno meno tempo per insegnare ai pazienti tali procedure.

Potete annotare questi punti o salvare questa infografica per aiutarvi nell’insegnamento ai pazienti:
Patient Teaching

 

Ritorna al Sommario

 

FAQ sull’insegnamento ai pazienti

Chi fornisce l’educazione al paziente?

Un’educazione efficace del paziente può essere fornita da professionisti ed esperti sanitari che hanno competenze complete.

Ecco alcuni esempi di professionisti sanitari coinvolti nell’educazione del paziente:

  • Medici
  • Infermieri
  • Istruttori clinici
  • Insegnanti

Cosa si insegna a un paziente?

Gli operatori sanitari insegnano ai pazienti vari argomenti. Ecco alcuni esempi di insegnamento ai pazienti:

  • Cosa significano le condizioni mediche
  • I rischi delle condizioni mediche
  • Opzioni di trattamento
  • Come prendere i farmaci
  • Come prevenire malattie o lesioni
  • Come ridurre le complicazioni
  • Come apportare modifiche allo stile di vita per ottenere risultati migliori in termini di salute

Che cos’è l’insegnamento al paziente in infermieristica?

L’infermieristica è la più grande professione sanitaria negli Stati Uniti, con più di 3,8 milioni di infermieri registrati. Pertanto, gli infermieri sono fondamentali nell’insegnamento ai pazienti.

L’insegnamento infermieristico avviene mentre ci si prende cura dei pazienti ricoverati e durante la pianificazione della dimissione.

Gli infermieri creano piani di insegnamento infermieristico, parlano con i pazienti, scoprono come stanno e rispondono alle domande. Durante la dimissione, le infermiere insegnano ai pazienti cosa fare quando tornano a casa.

L’infermiere addetto alla pianificazione della dimissione è responsabile della dimostrazione di semplici procedure che il paziente deve seguire. Per esempio, l’insegnamento infermieristico al paziente può includere piani di insegnamento dei farmaci, come fasciare correttamente una ferita o come leggere un glucometro. Gli infermieri coprono anche i tipi di complicazioni che possono verificarsi a casa e i segnali di avvertimento.
Patient Teaching

 

Ritorna al Sommario

 

In sintesi: i pazienti imparano meglio quando le infografiche sono abbinate ai loro stili di apprendimento

Le infografiche sono perfette per rappresentare visivamente le informazioni mediche. Potete usare le infografiche per semplificare termini complessi usando un linguaggio semplice, figure, immagini e strumenti simbolici come grafici, diagrammi di flusso, gerarchie e modelli.

A causa della loro natura visiva, le infografiche si rivolgono maggiormente alle persone con stili visivi e di lettura/scrittura. Tuttavia, per i migliori risultati di apprendimento, gli educatori dei pazienti dovrebbero combinare diversi metodi che si rivolgono a persone con vari stili di apprendimento.

Potete iniziare a far combaciare gli stili di apprendimento dei pazienti con i contenuti educativi utilizzando l’editor facile da usare di Venngage e i nostri vari modelli sanitari completamente personalizzabili, e in pochi minuti avrete strumenti efficaci per l’insegnamento ai pazienti.