Una guida completa ai grafici a linee

By Lydia Hooper, Jul 21, 2022

line chart

I grafici a linee sono uno dei tipi più comuni di visualizzazioni di dati, e sono incredibilmente utili per una grande varietà di professionisti.

In questo articolo, attingerò alla mia esperienza di progettista di informazioni senior per condividere tutto quello che dovete sapere sui grafici a linee, dalle basi alle migliori pratiche.

Potete poi usare il Chart Maker di Venngage per creare grafici a linee che visualizzano al meglio i vostri dati, in pochi semplici passi.

Tabella dei contenuti:

Cos’è un grafico a linee?

Un grafico a linee, chiamato anche grafico a linee, è una rappresentazione visiva di dati numerici o quantitativi che mostra la relazione tra due variabili.

Una variabile è fondamentalmente qualsiasi cosa che può cambiare, come quantità, tassi percentuali, intervalli di tempo, ecc. Queste variabili si trovano sugli assi X e Y del grafico – o la linea orizzontale in basso e la linea verticale a sinistra, rispettivamente.

Un grafico a linee appare come punti collegati su una o più linee che corrono da sinistra a destra su un grafico. Ogni punto rappresenta un valore di dati:

line chart

Ritorna al Sommario

A cosa serve un grafico a linee?

I grafici a linee sono spesso usati per mostrare dati continui, che sono dati che non possono essere contati in numeri interi, come il numero di prodotti venduti. Piuttosto, sono sempre su un continuum e possono avere qualsiasi valore immaginabile, incluse frazioni o punti decimali. Potrebbe trattarsi di tempo, temperatura, misure, costi, ecc.

I grafici a linee sono usati per mostrare come un cambiamento in una variabile o un numero influenzi i cambiamenti in un altro. Sono spesso usati per mostrare, per esempio, i cambiamenti che avvengono nel tempo. In questo caso, il tempo è sull’asse orizzontale, con le date più vecchie a sinistra e quelle più recenti a destra.

line chart

Per esempio, quando viene usato in un rapporto o piano aziendale, un grafico a linee potrebbe descrivere come le vendite cambiano da un trimestre all’altro, come la percentuale di aggiornamenti cambia di mese in mese, o come la soddisfazione dei dipendenti è variata di anno in anno.

Visualizzando questi numeri in un grafico a linee, si possono individuare più facilmente tendenze e modelli e forse anche fare previsioni.

line chart

Alcuni grafici a linee contengono più di una linea, il che permette ulteriori confronti tra categorie o gruppi.

line chart

Ritorna al Sommario

Sfide o errori comuni dei grafici a linee

Mentre due o tre linee su un grafico a linee possono fornire alcune informazioni aggiuntive e chiarezza, troppe linee possono rendere il grafico difficile da leggere. Se vi state chiedendo quante linee sono troppe, controllate la risposta nella sezione FAQ.

Potete usare il colore per rendere il grafico più facile da leggere, ma attenzione: usare troppi colori può rendere il grafico confuso e rendere difficile per i lettori seguire tutti i punti dei dati.

Questo semplice grafico a linee è un buon esempio di uso corretto dei colori, in quanto aiuta a separare i dati più importanti (i tassi di aggiornamento dell’azienda) dagli altri dati (i tassi di aggiornamento dei concorrenti), riuscendo allo stesso tempo a fornire un buon confronto tra le due serie di dati.

line chart

A volte non avrete tutti i dati necessari per “unire i puntini”, per così dire. Per esempio, potrebbero mancare dati per alcuni mesi o anni. Se si sceglie di utilizzare un grafico a linee in questi casi, è molto importante assicurarsi che il pubblico sia consapevole di queste lacune, in modo da non interpretare male le informazioni e trarre conclusioni errate.

Questo grafico a linee mostra informazioni sui tassi di impegno dei dipendenti negli Stati Uniti. Notate come presenta le lacune dei dati in modo molto chiaro:

line chart

Quando non usare un grafico a linee

A volte un grafico a linee non è il modo migliore per visualizzare i dati. Se state lavorando con dati che non sono numerici, probabilmente vorrete invece usare un grafico a barre. Se volete guardare le categorie di qualsiasi tipo, anche se i dati sono numerici, un grafico a barre è un’ottima soluzione.

Ecco un esempio di un istogramma, che è un tipo di grafico a barre che mostra come i numeri o le frequenze sono distribuiti in una gamma di numeri:

line chart

Ritorna al Sommario

Come creare un grafico a linee con Venngage

Potete iniziare a fare un grafico a linee oggi usando il Chart Maker di Venngage, anche se avete poca esperienza. Basta seguire questi semplici passi.

1. Iniziate con uno dei superbi modelli di grafici di Venngage

Sarete in grado di modificare tutti gli elementi visivi del modello, quindi cercatene uno che abbia uno stile che preferite o che abbia i componenti (caselle di testo, numero di grafici, ecc.) che vi servono.

Personalizzate i modelli di grafici inclusi in questo post o controllate l’intera libreria di modelli di grafici a linee qui:

line chart

2. Fate doppio clic sul grafico e aggiungete i vostri dati alla tabella

Potete caricare un foglio di Google, un file CSV o XLSX se preferite.

line chart

3. Modificate le impostazioni del grafico per fare il vostro disegno

Questo include i colori, i caratteri, le etichette, la larghezza della linea, la dimensione del punto, ecc. Usate i suggerimenti forniti qui sotto per assicurarvi che il vostro grafico sia facile da capire.

4. Completate il vostro design con ulteriori elementi visivi

Potete cambiare i colori e i caratteri nei modelli per adattarli al vostro marchio aziendale. Potete anche cambiare o aggiungere icone o foto che vi aiutano a raccontare la storia dei vostri dati.

venngage replace icon

5. Scaricate e/o condividete il vostro grafico finito

Un utente gratuito di Venngage può condividere il suo grafico utilizzando un link pubblico. Passate ad un account a pagamento per scaricare il vostro grafico in PNG, PDF, PDF interattivo o anche in formato PPTX per essere usato nelle diapositive di PowerPoint.

Con un account Business, potete anche condividere il vostro grafico con il vostro team per avere i loro commenti:

comment

Oppure collaborate con i membri del vostro team per modificare i vostri grafici in tempo reale:

collab-new-color large

Ritorna al Sommario

Le migliori pratiche per creare un grande grafico a linee

Una cosa è creare un grafico a linee, un’altra è crearne uno che raggiunga il vostro scopo o obiettivo.

Sia che vogliate aiutare il vostro team a capire i progressi fatti verso gli obiettivi, o i vostri clienti a capire come il vostro prodotto sia scientificamente superiore, questi suggerimenti vi aiuteranno a fare in modo che il vostro grafico a linee comunichi ciò di cui avete bisogno e non finisca per cadere nella sfortunata categoria di una brutta infografica.

Etichettare gli assi X e Y

Aiutate il vostro lettore a sapere esattamente quale relazione state spiegando con titoli chiari degli assi. Indicate cosa viene contato su ogni asse orizzontale e verticale. Dollari? Percentuali? Mesi nell’anno 2020?

Se state usando più linee nel vostro grafico, i dati dovrebbero essere simili per ognuno, con ogni categoria che state confrontando con la stessa unità e scala.

Per esempio, questo grafico a linee usa linee diverse per aziende diverse, ma nel complesso mostra informazioni su come le vendite in dollari sono cambiate negli anni dal 2010 al 2014.

line chart

Non usate un doppio asse, che è quando avete un asse Y aggiuntivo sulla destra del grafico. È incredibilmente difficile farli funzionare e super difficile da capire per il vostro lettore. Se avete bisogno di mostrare confronti con unità diverse, fate invece due grafici a linee.

Suddividere gli assi in intervalli regolari

Sia l’asse X che l’asse Y dovrebbero essere segmentati in modo matematico, con intervalli regolari che mostrano la diffusione dei dati. La buona notizia è che se usate Venngage, questo è automatico.

Inoltre, assicuratevi che l’asse Y non stia distorcendo i dati e quindi impedendo un’interpretazione accurata.

line chart

In generale, dovreste usare una linea di base zero a meno che non ci sia una buona ragione per non farlo (questo video di Vox lo spiega più in profondità). Di nuovo, questo è il default in Venngage.

line chart

Non selezionare i dati

Questo è un altro consiglio che non è negoziabile. Se usate solo i dati che supportano ciò che volete credere o professare, allora non solo state ingannando le persone, ma le state anche privando di imparare ciò che tutti i dati reali hanno da dire.

line chart

Quando si comunicano dati, si ha la responsabilità di farlo in modo onesto. Farlo è il modo migliore per trasformare queste comunicazioni in “vittorie” per la vostra azienda.

Correlato: 5 modi in cui gli scrittori usano grafici ingannevoli per manipolarvi

Rimuovere il disordine non necessario

Potete rendere molto più facile per le persone afferrare le tendenze principali o i risultati del vostro grafico a linee mantenendolo il più semplice possibile, senza perdere nessuna delle sfumature dei dati, naturalmente. Questo è particolarmente importante se state includendo molti punti o linee di dati.

Per esempio, usate le linee orizzontali della griglia se questo aiuta le persone a leggere meglio i numeri, ma rendetele grigio chiaro in modo che svaniscano nello sfondo.

line graph

Inoltre, invece di una legenda, è possibile etichettare diverse linee direttamente sul grafico.

line chart

Rendete il titolo del vostro grafico utile ai lettori

Secondo le ricerche, le persone passeranno molto tempo a leggere il testo del vostro grafico, quindi rendete quel testo qualcosa di utile per il lettore.

Al posto di un titolo concreto, come “Età media dei clienti” o “Entrate per trimestre”, usate un titolo descrittivo che aiuti il lettore a interpretare meglio i dati del grafico, come “Il prodotto attrae clienti più giovani” o “Le entrate sono diminuite lo scorso trimestre”.

line chart

Si può anche andare oltre il titolo e l’etichetta o fare note su cose come:

  • Valori esatti per ogni punto di dati sulla linea
  • Valori significativi all’interno del grafico, come il più alto e il più basso
  • Punti nel tempo in cui sono avvenuti cambiamenti significativi

Questo semplice grafico a linee sul consumo mondiale di caffè è un buon esempio:

line chart

Parlando di note, citate sempre, sempre, sempre, sempre la fonte e la data dei vostri dati sotto il grafico.

Questo può essere un collegamento ipertestuale a una fonte di dati esterna o una nota su come i dati sono stati raccolti, come “Sondaggio annuale dei dipendenti, 2020”.

Usate il colore per evidenziare ciò che conta

Il colore non è solo un modo per rendere il vostro grafico più “carino”. Quando si tratta di comunicare i dati, il colore è un importante aiuto alla comunicazione. Potete usarlo per aiutare le persone all’istante:

  • Riconoscere ciò che conta di più, che siano punti o linee
  • Confrontare diverse categorie o linee
  • Collegarsi al contenuto tematicamente e/o emotivamente

line chart

Ritorna al Sommario

Domande frequenti sui grafici a linee

Quante linee sono troppe in un grafico a linee?

Non c’è una regola fissa, perché dipende davvero dal vostro pubblico, dalla dimensione del grafico, dalla forma delle linee, dallo stile del grafico, ecc. Tuttavia, una buona regola empirica è che le linee dovrebbero essere abbastanza distanti da essere facili da leggere individualmente, e ogni linea dovrebbe avere uno scopo.

Ognuno di essi dovrebbe permettere al vostro pubblico di rispondere a una domanda chiave, come in questo esempio:

line chart

Quando si tratta del grafico che state facendo, è molto facile ottenere la risposta a questa domanda: basta chiedere al vostro pubblico.

Chiedere input e feedback è una parte critica del processo di progettazione. Si può fare una domanda come: “Cosa dovrei ripensare per rendere questo grafico più facile da capire?” e “Quale di queste linee è la più utile e quali sono meno utili?”

Quale software dovrei usare per fare grafici a linee?

Dipende dal vostro pubblico, dalla complessità del set di dati, dal vostro livello di abilità e dalle vostre risorse (tempo e denaro).

Se il vostro pubblico ha bisogno di un design colorato per attirarlo nei dati, se state lavorando con una semplice tabella di dati, o se siete a corto di risorse o competenze, la soluzione migliore è Venngage.

A differenza di altre alternative facili da usare, Venngage offre la flessibilità di progettazione necessaria per creare bene i grafici, oltre a centinaia di modelli rilevanti per i professionisti del business.

line chart

Se il vostro pubblico è altamente tecnico, se il set di dati è complicato da lavorare (molti campi di dati in diversi fogli di calcolo), e se avete le competenze o le risorse, potete usare un software più robusto come Tableau o Power BI.

Ci sono alcuni software che non sono ideali per fare grafici a linee, perché sono troppo complicati o troppo difficili da imparare a usare in modo da rendere possibile un buon disegno di grafici a linee. Se volete fare un rapido grafico a linee strettamente per il vostro uso personale, Excel o Google Sheets sono un’opzione, ma non sono ideali per un design di alta qualità. Sfortunatamente, può essere necessario molto lavoro per fare grafici a linee accurati e di bell’aspetto con PowerPoint o Adobe Illustrator.

Cos’è un grafico di pendenza?

Un grafico a pendenza è un tipo di grafico a linee con spesso una serie di linee che hanno un solo punto iniziale e un solo punto finale. Sono spesso usati per confrontare i cambiamenti avvenuti tra due date. Simile a qualsiasi grafico a linee, sono efficaci se il numero di linee non inibisce la comprensione.

line graph

Cos’è un grafico a scintille?

Una sparkline è un grafico a linee molto piccolo e molto semplificato in cui ci possono essere o meno degli assi etichettati.

Sono spesso parte di una serie di sparklines che possono fornire una visione di alto livello dei cambiamenti nel tempo in diverse categorie. Non vanno bene per fare confronti precisi e presuppongono che l’osservatore abbia una conoscenza preesistente del set di dati. Si vedono più spesso nei cruscotti di dati dinamici che nelle infografiche stampate o digitali.

Ecco un esempio di una serie di sparklines all’interno di una dashboard di Google Analytics:

line chart

Quando un grafico a linee può/deve essere un grafico ad area?

Un grafico ad area è essenzialmente un grafico a linee con l’area sotto la linea colorata.

Naturalmente, l’area colorata attira l’attenzione, potenzialmente lontano dalla forma della linea. Per questo motivo, sono buoni solo per scenari molto specifici in cui il grafico sta descrivendo come i tassi percentuali sono cambiati nel tempo.

I grafici ad area possono essere ottime alternative ai grafici a torta se volete mostrare non solo le percentuali, ma anche i cambiamenti nel tempo.

line graph

Leggi anche: Grafici a torta e altri modi per mostrare le percentuali nelle infografiche

Ancora una volta, è saggio fare attenzione a quante linee si includono in un grafico ad area. Più di due linee sono troppe, e le linee dovrebbero essere distanziate abbastanza da poter essere lette separatamente.

line chart

Qual’è la differenza tra un grafico a linee e un grafico a dispersione?

Come un grafico a linee, un plot di dispersione (chiamato anche grafico a dispersione) include punti di dati e permette di confrontare due variabili, ciascuna su un asse del grafico. Tuttavia, i punti di dati non creano una linea perché le relazioni tra le variabili sono più varie.

Per esempio, ecco un grafico a dispersione che mostra le relazioni tra le dimensioni del parco e il numero di visitatori:

line chart

Quando posso/devo usare un grafico a barre e un grafico a linee insieme?

Come tutti gli altri precedenti, questa è una buona soluzione in circostanze molto limitate. I dati usati in entrambi i grafici devono essere simili per unità e scala, per esempio tutti i tassi percentuali o tutti i dollari.

L’uso migliore di questa combinazione è quando la linea può illuminare un obiettivo o un traguardo e le barre possono mostrare gli importi effettivi. In questa situazione specifica, l’uso di diversi tipi di visualizzazioni richiama l’attenzione su cose diverse, ma piuttosto che distrarre l’uno dall’altro, insieme raccontano una storia di dati più completa.

line chart

Ritorna al Sommario

In sintesi: semplice ma efficace, il grafico a linee è un versatile strumento di visualizzazione dei dati che aiuta a visualizzare le tendenze, presentare confronti e altro ancora

Considerando quanto è utile e versatile il grafico a linee, non c’è da meravigliarsi che sia uno dei modi più popolari per visualizzare i dati.

Ma come tutti i tipi di grafici, richiedono qualche considerazione ponderata per renderli efficaci. Non è necessario essere un designer o un analista, ma è necessario sapere a cosa pensare.

Con questo articolo, dovreste essere sulla buona strada per diventare un professionista!

Controllate anche il nostro corso GRATUITO su Diventare un professionista del design infografico, dove imparererete come creare infografiche che vi aiutano a raggiungere i vostri obiettivi di business. C’è un modulo che vi insegna come scegliere i grafici giusti per i vostri dati:

venngage course becoming an infographic design pro